Condividi

Unicredit apre sede a Abu Dhabi per clienti corporate

La banca potenzia la sua presenza nella capitale degli Emirati Arabi Uniti, ampliando l’offerta a livello globale per i propri clienti corporate e istituzioni finanziarie.

Unicredit apre sede a Abu Dhabi per clienti corporate

UniCredit ha annunciato oggi l’apertura di una nuova filiale Corporate & Investment Banking (CIB) ad Abu Dhabi, capitale degli Emirati Arabi Uniti. La struttura contribuirà a potenziare ulteriormente la generazione di business internazionale e amplierà l’offerta della banca a livello globale per i propri clienti corporate e istituzioni finanziarie. UniCredit ha scelto Abu Dhabi Global Market, la principale free zone finanziaria della regione, come base per la propria attività.

La nuova filiale amplierà le attività svolte in passato dall’ufficio di rappresentanza presente dal 2001 e fungerà da hub per i Paesi del Gulf Cooperation Council (GCC) e per la più estesa regione Middle East and Africa (MEA), offrendo maggiore assistenza ai clienti europei di UniCredit e supportando nel contempo la clientela locale, che include multinazionali, istituzioni finanziarie locali e fondi sovrani (SWF).

La nuova struttura di UniCredit svilupperà la già consolidata attività con le controparti MEA, che la banca ha assistito in transazioni nella regione per un controvalore di 6,5 miliardi di euro nel 2016.

I Paesi GCC rappresentano il 6% circa dell’interscambio totale con la UE e il quinto maggior mercato di esportazione per la UE. La regione sta anche rafforzando la propria posizione come hub commerciale dei principali Paesi emergenti di Asia e Africa: l’interscambio tra GCC e Cina è stimato in oltre 110 miliardi di dollari USA quest’anno. Il Golfo è anche sede di numerose importanti società di investimento emanazione dei fondi sovrani e rappresenta una fonte significativa del flusso globale di investimenti diretti all’estero (FDI).

Commentando l’apertura, Jean Pierre Mustier, Amministratore Delegato di UniCredit, ha dichiarato: “I Paesi del Gulf Cooperation Council rappresentano una destinazione importante per i clienti di UniCredit, con oltre 1.000 organizzazioni europee già attive sul mercato e operanti in settori cruciali per lo sviluppo del GCC, quali commercio, attività manifatturiere, costruzioni, utility e gas & petrolio. Queste caratteristiche di mercato, insieme alla conoscenza della regione frutto della nostra presenza di lunga data ad Abu Dhabi, consentiranno a UniCredit di capitalizzare le opportunità per i nostri clienti. La nostra vision, ‘One Bank, One UniCredit’, di un gruppo bancario pan-europeo semplice e di successo, con un segmento CIB perfettamente integrato e una rete unica in Europa occidentale, centrale e orientale, ha anche molto da offrire a istituzioni multinazionali e finanziarie della regione”.

Con sede nella free zone finanziaria denominata Abu Dhabi Global Market, la filiale si concentrerà inizialmente su Transaction Banking e Financing (in prevalenza in Euro e in dollari USA).

La gamma dei prodotti di finanziamento comprende prestiti per capitale circolante, a termine, trade finance su materie prime, prestiti strutturati (prestiti sindacati, finanza per acquisizioni, structured trade & export finance).

Nel segmento Transaction Banking, UniCredit fornirà crediti documentari (lettere di credito per import ed export), garanzie, servizi di gestione liquidità e una avanzata piattaforma di eBanking.

Le attività saranno svolte prevalentemente dai centri di competenza a Milano e Londra. La nuova filiale di Abu Dhabi rappresenta un’importante evoluzione della rete internazionale di UniCredit per supportare i clienti del gruppo nella loro espansione internazionale e catturare flussi di investimenti da e per l’Europa. L’apertura segue quella della filiale spagnola di Madrid, avvenuta con successo nel 2016. La filiale di Abu Dhabi sarà diretta da Yahia El Assadi, Responsabile della Regione MEA e della filiale di Abu Dhabi, che riporterà direttamente ai co-Responsabili di UniCredit Corporate & Investment Banking, Olivier Khayat e Gianfranco Bisagni.

Commenta