Condividi

Trump licenzia Consigliere Sicurezza

Clamoroso licenziamento del Consigliere per la sicurezza di Trump, accusato di aver intrigato con i russi prima delle elezioni presidenziali e di aver mentito – Flynn era quello che chiedeva la galera per la Clinton: ora la rischia lui – Trump lo ha licenziato su due piedi.

Trump licenzia Consigliere Sicurezza

Il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, il generale in pensione Michael Flynn, ha lasciato il suo incarico. Lo riferisce la Cnn citando fonti informate. Formalmente si tratta di dimissioni, ma in realtà il militare è stato licenziamento in tronco dopo soli 20 giorni dalla nomina.

Nel periodo di Natale 2016 Flynn aveva telefonato sette volte all’ambasciatore russo a Washington per rassicurare Putin sulle sanzioni, non avendo alcuna autorità per farlo, ma per evidente riconoscenza per l’aiuto fornito dagli hacker del Cremlino. Flynn era anche uno dei sostenitori di Trump che chiedeva la galera per la Clinton: ora la rischia lui.



Per il momento, in sua sostituzione, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha nominato Joseph Keith Kellogg Jr consigliere della sicurezza nazionale ad interim.

Ma si fa già il nome di David Petraeus tra quelli al vaglio dell’amministrazione per occupare stabilmente la poltrona lasciata libera da Flynn. Stando alla Cnn, Petraeus incontrerà Trump alla Casa Bianca già nelle prossime ore.

Commenta