Condividi

ThyssenKrupp, aumento di capitale da quasi 900 milioni di euro

In una sola notte, il gruppo siderurgico tedesco ha piazzato 51,5 milioni di nuovi titoli, raccogliendo 882,3 milioni di euro – Il denaro servirà a investire in tecnologie per ascensori, sottomarini e grandi impianti industriali – Restano i problemi dopo i disastrosi investimenti in Usa – La società è indebitata per 5 miliardi di euro.

ThyssenKrupp, aumento di capitale da quasi 900 milioni di euro

Tutto in una notte. ThyssenKrupp ha appena annunciato che l’aumento di capitale lanciato lunedì sera è stato completato. La cifra raccolta è di 882,3 milioni di euro. Il gruppo aveva bisogno di un’iniezione di liquidità per migliorare i conti, dopo i disastrosi investimenti nelle acciaierie americane.

In tutto, sono state piazzate 51,5 milioni di nuove azioni al prezzo unitario di 17,15 euro. E gli investitori tedeschi e stranieri si sono precipitati a comprare.

Il prezzo definitivo del titolo si situa nella parte bassa della forchetta indicativa di cui si parlava alla vigilia: tra 17,05 e 17,635 euro. Se l’operazione è stata molto rapida, questo è dovuto alla formula scelta: l’aumento di capitale ha preso la forma di un collocamento accelerato presso gli investitori istituzionali e sono stati tolti i diritti di prelazione di chi era già azionista. 

Tra i grandi investitori, ci sono i fondi Cevian, Franklin e Blackrock che rafforzano la loro presenza. Non è però dato sapere se la Fondazione Krupp ha partecipato all’operazione. 

Attualmente, ThyssenKrupp vale circa 10 miliardi di euro in Borsa. A Francoforte, il titolo questa mattina cede oltre l’1% dopo aver perso circa il 9% il giorno della vigilia. Il gruppo ha ancora molti problemi, su tutti il debito da 5 miliardi di euro. La questione americana è in parte risolta, ma ora bisogna stringere la cinghia e il prossimo capitolo da affrontare potrebbe essere quello delle acciaierie europee.

Il capitale raccolto dovrebbe permettere all’azienda di proseguire con la ricerca tecnologica, tra grandi impianti industriali, ascensori e sottomarini, settore grazie al quale ha appena ottenuto un grosso contratto a Singapore.

Commenta