Condividi

Telecom: ebitda in ascesa. Leonardo: utile e ordini in crescita

Conti confortanti nel primo trimestre del 2017 per Telecom Italia e Leonardo – La compagnia telefonica, oggi in assemblea, migliora ricavi e ebitda – Leonardo aumenta l’utile egli ordini

Telecom: ebitda in ascesa. Leonardo: utile e ordini in crescita

Giornata di conti per Telecom e Leonardo. Le due società quotate al FtseMib hanno visto i propri bilanci migliorare nel primo trimestre dell’anno: in particolare il gruppo tlc ha chiuso i primi tre mesi dell’anno con ricavi consolidati pari a 4,8 miliardi di euro, in aumento dell’8,5% rispetto all’analogo periodo del 2016, registrando il miglior risultato consolidato dal 2012. L’ebitda di gruppo si è attestato a 2 miliardi di euro (+16,2%). L’utile del primo trimestre 2017 attribuibile ai soci della controllante si attesta a 200 milioni di euro, rispetto 433 milioni di euro nei primi tre mesi del 2016, e sconta oneri netti non ricorrenti per 115 milioni di euro. L’indebitamento finanziario netto rettificato si attesta a 25,2 miliardi, in riduzione di 1,9 miliardi rispetto a fine marzo 2016.

Leonardo archivia invece il primo trimestre del 2017 con un utile netto di 78 milioni di euro (+39% l’ordinario, +21,9% in assenza di operazioni straordinarie), ed ordini a 2,647 miliardi di euro, in crescita (+3%) rispetto al primo trimestre del 2016. Il portafoglio ordini sale del 25% rispetto a marzo 2016. Lo comunica il gruppo in una nota, sottolineando che “continua la significativa” crescita di Ebita (+14%) ed Ebit (+16%), con un RoS al 7,6%. L’indebitamento netto si attesta a 3,25 miliardi (-22,7%) grazie al positivo andamento di cassa. I ricavi, pari a 2,476 miliardi di euro, -2,4% rispetto al primo trimestre del 2016, “registrano un decremento per effetto della riduzione dei ricavi negli Elicotteri e dell’effetto negativo del cambio sterlina/euro”, spiega Leonardo, sottolineando che “in considerazione dei risultati ottenuti nel primo trimestre e delle aspettative per i successivi, si confermano le guidance per l’intero anno formulate in sede di predisposizione del bilancio al 31 dicembre 2016”.



Commenta