Condividi

Strage Istanbul: ecco il presunto killer

Sarebbe un 28enne del Kirghizistan arrivato in Turchia a novembre – Arrestata la moglie e altri familiari – L’interessato respinge tutte le accuse.

Strage Istanbul: ecco il presunto killer

È stato identificato come il 28enne Iakhe Mashrapov, con passaporto del Kirghizistan, il presunto killer di Capodanno a Istanbul. Lo riferisce la tv di stato turca Trt. Il suo passaporto risulta rilasciato dalla repubblica ex sovietica dell’Asia centrale il 21 ottobre scorso, un mese prima del suo arrivo in Turchia. L’interessato respinge tutte le accuse.

Intanto, la moglie del presunto autore della strage di Istanbul è stata arrestata. La donna, secondo il quotidiano Haberturk, è stata fermata nella provincia anatolica conservatrice di Konya, dove il killer sarebbe giunto anche con i due figli a fine novembre dal Kirghizistan. Le fonti citate dal giornale confermano inoltre che si tratterebbe di un uiguro, originario della regione cinese dello Xinjiang.



“Ho saputo dell’attacco dalla tv. Non sapevo che mio marito fosse un simpatizzante di Daesh” (Isis), avrebbe detto la donna. Oltre a lei, sarebbero stati arrestati anche altri familiari: “La polizia conosce l’identità dell’attentatore e la sua famiglia è stata arrestata”, ha reso noto Hurriyet.

Sempre secondo il quotidiano turco il presunto autore della strage ha combattuto in Siria per l’Isis usando tecniche apprese durante la guerra civile. Hurriyet aggiunge che l’uomo ha dimostrato di essere ben addestrato all’uso delle armi e nei combattimenti in strada nelle zone residenziali in Siria e ha usato queste tecniche durante la carneficina nella discoteca.

AGGIORNAMENTO

Ihake Mashrapov, il 28enne kirghiso accusato ieri di essere il responsabile della morte di 39 persone nell’attentato di Capodanno, è stato scagionato. Alle autorità kirghise, come anche alla polizia turca, Mashrapov ha spiegato di essere estraneo all’attentato, dimostrando dai timbri sul passaporto che la notte di Capodanno non si trovava a Istanbul.

Commenta