Condividi

Snam presenta il podcast su transizione e sostenibilità

Il progetto “Zhero – Il segreto dell’acqua” mira a sensibilizzare i cittadini sulla transizione energetica e a incoraggiare lo studio delle materie scientifiche tra i più giovani, specie tra le ragazze

Snam presenta il podcast su transizione e sostenibilità

Snam lancia “Zhero – Il segreto dell’acqua”. Il progetto, volto a sensibilizzare il pubblico sull’importanza della sostenibilità ambientale e dell’innovazione scientifica e tecnologica. Ispirato all’omonimo libro per ragazzi di Marco Alverà, Amministratore delegato di Snam, edito da Salani, il podcast è disponibile su tutte le principali piattaforme di ascolto (Spotify, Spreaker, Google Podcast, Apple Podcast) e sul sito del gruppo.

Si tratta del primo podcast-fiction ideato da un’azienda italiana. Tre episodi narrati da Cristiana Capotondi e scritti da Iole Masucci, raccontano le avventure di tre amici, Giada, Serafina e Michele, che si imbarcano alla ricerca di Bepi, il loro professore improvvisamente scomparso nel nulla. Il professore aveva creato un dispositivo rivoluzionario in grado di salvare il pianeta generando energia pulita.



“Il racconto – ha dichiarato Cristiana Capotondi – è ambientato nella magica e incantata atmosfera di Venezia, dove i tre giovani eroi sono coinvolti in un’emozionante corsa contro il tempo per risolvere un mistero da cui dipende il futuro dell’umanità”.

Il podcast è stato lanciato in occasione della Cop26, la conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, al fine di sensibilizzare il pubblico sulla transizione energetica, illustrando i vantaggi ambientali dell’idrogeno verde prodotto tramite elettrolisi dell’acqua con fonti rinnovabili, e a incoraggiare lo studio delle materie STEM (scienze, tecnologia, ingegneria e matematica) tra i più giovani, in particolare tra le ragazze.

Il podcast “Zhero” è stato prodotto da Sirene Records a cura di Virginia Valsecchi e in collaborazione con DOING part of Capgemini e dal 30 novembre sarà disponibile anche in versione inglese.

Commenta