Condividi

Shell lancia la X edizione di “Inventa Giovani”: il programma

Al via la X edizione del programma che mira a formare i giovani con corsi e workshop – Il lancio a Maranello – Nel 2018 sono nate tre startup

Shell lancia la X edizione di  “Inventa Giovani”: il programma

Parte la decima edizione 2019 di Shell Inventa Giovani, un programma di investimento sociale e sviluppo sostenibile rivolto ai più giovani.

Le attività formative previste per l’anno in corso si tradurranno in 4 workshop “Idee Brillanti “(il primo si terrà il 29 aprile 2019), 2 corsi “diventare un imprenditore di successo”, 4 workshop tematici su contrattualistica aziendale, risorse Umane, marketing, finanza. 



Nel corso dell’evento di presentazione, tenutosi il 10 aprile sono state presentate le 3 start up nate nel 2018: “Terre di Basilicata”, impresa di e-commerce di prodotti  tipici lucani, “Emporio arcobaleno”,  impresa commerciale di articoli per feste, “Casa easy”, che si occupa invece di edilizia tradizionale e bio – edilizia.

Cos’è “SHELL Inventa GIOVANI”? E’ un programma promosso in Basilicata da Shell Italia E&P, che appartiene a sua volta al progetto Shell LiveWIRE svolto a livello mondiale in 15 paesi da Royal Dutch Shell in partnership esclusiva con una società no profit inglese.

Lo scopo del programma è quello di fornire una formazione specifica ai giovani tra i 18 e i 35 anni che risiedono in Basilicata, ponendo l’accento sulla vocazione territoriale e sulle esigenze imprenditoriali e lavorative della popolazione giovanile lucana. Il programma è patrocinato da Regione Basilicata, Confindustria Basilicata e dall’Università degli Studi della Basilicata. 

“Siamo molto contenti di essere qui, oggi, a Maranello, per lanciare la decima edizione del nostro programma e presentare tre start up di giovani imprenditori lucani, in aggiunta alle tredici già avviate negli anni passati, che grazie a Shell InventaGIOVANI hanno potuto coronare il loro sogno e realizzare la propria idea di business in Basilicata”. Questo il commento di Marco Brun, amministratore delegato di Shell Italia.

Commenta