Condividi

Saipem taglia le previsioni per il 2014, il titolo crolla in Borsa

Sia l’Ebit sia l’utile netto sono attesi nella parte bassa delle forchette previste a inizio anno, rispettivamente a 600 e 280 milioni – I mercati non premiano il ritorno all’utile nei primi nove mesi.

Saipem taglia le previsioni per il 2014, il titolo crolla in Borsa

Saipem sprofonda a Piazza Affari. A metà pomeriggio il titolo della società d’impiantistica del gruppo Eni crolla dell’8,87%, a 13,04 euro, ed è sospeso in asta di volatilità. 

L’ondata di vendite arriva dopo la comunicazione degli ultimi dati della società, che ha rivisto le attese per il 2014. Sia l’Ebit sia l’utile netto sono attesi nella parte bassa delle forchette previste a inizio anno, rispettivamente a 600 e 280 milioni (i range precedentemente indicati erano di 600-750 e 280-380 milioni). Le stime sul debito netto sono state alzate a 4,7 miliardi, da una forbice iniziale tra 4,2 e 4,5 miliardi. 



Gli aggiornamenti delle stime sono stati causati dalle “difficili condizioni di mercato deterioratesi progressivamente nel corso dell`anno”, si legge nella nota della società. La guidance sui ricavi è stata confermata a circa 13 miliardi.

In ogni caso, a fine settembre Saipem è tornata in utile, mettendo a segno profitti per 212 milioni, contro la perdita di 229 milioni contabilizzata nei primi nove mesi del 2013. I ricavi, invece, sono cresciuti del 9,1% rispetto allo stesso periodo di un anno fa, a 9.475 milioni di euro.

Commenta