Condividi

Prestiti legati a polizze: l’Antitrust indaga su Findomestic, Agos e Cardif

Il sospetto è che Agos Ducato e Findomestic Banca abbiano subordinato il credito al consumo alla sottoscrizione di polizze che nulla avevano a che fare con i prestiti – I funzionari dell’Autorità hanno condotto ispezioni nelle sedi delle società insieme agli uomini della Guardia di Finanza.

Prestiti legati a polizze: l’Antitrust indaga su Findomestic, Agos e Cardif

Vuoi un prestito? D’accordo, ma per ottenerlo devi sottoscrivere anche una polizza assicurativa che con il finanziamento non c’entra nulla. Sarebbe questa la pratica commerciale scorretta messa in atto dalle finanziarie Agos Ducato e Findomestic Banca insieme alla compagnia assicurativa Cardif. Le tre società sono finite nel mirino dell’Antitrust, che ha avviato le indagini su segnalazione dell’Istituto di vigilanza sulle assicurazioni (Ivass).

Il sospetto è che Agos Ducato e Findomestic Banca abbiano subordinato il credito al consumo alla sottoscrizione di polizze che nulla avevano a che fare con i prestiti. L’Antitrust parla di “pratica legante” tra prodotti bancari e assicurativi, contraria alla legge e al Codice del Consumo.



In realtà le compagnie assicurative coinvolte sono due: Cardif Assurance Vie e Cardif Assurances Risques Divers. Sono accusate di aver negato ai consumatori che estinguevano in anticipo i finanziamenti la restituzione quota parte dei premi assicurativi. Il motivo? Secondo loro non esisteva alcuna connessione fra i due prodotti.

“Le due compagnie – scrive l’Antitrust – non avrebbero attuato nei confronti delle finanziarie alcuna attività di verifica circa gli abbinamenti forzosi e, in via generale, di monitoraggio e controllo circa la modalità di collocamento dei prodotti assicurativi in questione”.

Per accertare queste condotte, il 18 aprile i funzionari dell’Autorità, con la collaborazione del Nucleo speciale Antitrust della Guardia di Finanza, hanno eseguito una serie di ispezioni nelle sedi delle società coinvolte.

Leggi il comunicato dell’Antitrust.

Commenta