Condividi

Modena – Festa della Musica con l’Ensemble Tetraktis percussioni

In occasione della Festa della Musica 2015, domenica 21 giugno 2015, a partire dalle 21.15, appuntamento nel chiostro di Palazzo Santa Margherita, in corso Canalgrande 103 a Modena, con l’Ensemble Tetraktis Percussioni, evento che conclude la stagione 2014-15 degli Amici della Musica di Modena

Modena – Festa della Musica con l’Ensemble Tetraktis percussioni

L’iniziativa, organizzata in collaborazione con la Galleria civica di Modena, Biblioteca Civica “Antonio Delfini” e con il Centro Musica del Comune di Modena, è ad ingresso gratuito fino ad esaurimento posti.

L’Ensemble Tetraktis Percussioni è una delle formazioni più attive e prestigiose a livello nazionale ed europeo, che annovera in curriculum concerti e masterclasses in Italia, Europa, Stati Uniti e Africa ed esibizioni dal vivo a trasmissioni radiofoniche di RAI Radiotre e della radio newyorkese WNYC. Il programma del concerto, di straordinario impatto sonoro e varietà timbrica, accosta trascrizioni di brani tratti dal grande repertorio ottocentesco (come l’Italiana in Algeri di Rossini e il celebre Volo del calabrone di Rimskij-Korsakov) a pagine di importanti compositori contemporanei, come Steve Reich, Carlo Boccadoro, Giovanni Sollima e Alessandro Annunziata, che spesso hanno affidato a Tetraktis le prime esecuzioni di loro lavori.
In oltre venti anni di attività Tetraktis ha seguito un percorso che, prendendo origine dalla musica contemporanea di derivazione classica, è giunto ad incontrare molti altri linguaggi, tra i quali la musica popolare antica, il Jazz, il Pop. La principale scelta artistica che orienta il percorso del gruppo è la volontà di utilizzare il proprio parco strumenti (per vocazione il più ricco di tutte le famiglie strumentali) senza porre barriere di genere; cercando anzi gli incontri più vari ed inusuali.



La stagione concertistica 2014-2015 degli Amici della Musica è promossa e curata dall’Associazione Amici della Musica di Modena, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, della Banca Popolare dell’Emilia Romagna e della Regione Emilia Romagna e il sostegno finanziario e organizzativo dei Comuni di Modena, Nonantola, Spilamberto, Castelnuovo Rangone e San Cesario sul Panaro.

Commenta