Condividi

LuxLeacks, Juncker: “Nessun conflitto d’interesse”

Il presidente della Commissione europea respinge le accuse sugli accordi fiscali di vantaggio stipulati dalle imprese europee con il governo lussemburghese – “Sono adeguato a guidare la Commissione e oggi verrei sicuramente rieletto”

LuxLeacks, Juncker: “Nessun conflitto d’interesse”

“Sono adeguato a guidare l’Unione europea e oggi verrei rieletto”. A dirlo è il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Junker, rispondendo ad alcune domande sugli accordi fiscali di vantaggio stipulati da 550 imprese europee con il governo lussemburghese, nel corso di una conferenza stampa a Bruxelles.

Per l’ex premier del Lussemburgo, dunque, “non ci sono conflitti d’interesse” riguardo a quello che è stato già definito LuxLeaks, anche perchè, ricorda, “è stata la stessa Commissione a far partire l’inchiesta” sul rispetto delle regole sugli aiuti di Stato negli accordi fiscali del Governo lussemburghese con le imprese.



Juncker, che si è difesp a spada tratta da ogni accusa e insinuazione, ha annunciato inoltre che la Commissione europea “combatterà contro evasione e frodi fiscali: domani al G20 – ha proseguito – proporrò di allargare il sistema degli scambi automatici di informazioni sui tax ruling”. 

Il Presidente della Commissione, quindi, rimane a capo dell’istituzione che dovrà fare chiarezza su quanto avvenuto nel Paese guidato dallo stesso Juncker per 18 anni, dal 1995 al 2013.   

Commenta