Condividi

Lufthansa e Air France: gli scioperi dei piloti agitano i cieli

E’ un periodo di scioperi e inquietudine per i grandi vettori dei cieli europei – Ieri l’agitazione dei piloti Lufthansa ha lasciato a terra migliaia di passeggeri e sembra essere solo l’inizio di una protesta più lunga – Lo sciopero di 14 giorni dei piloti Air France è costato 280 milioni di dollari alla compagnia.

Lufthansa e Air France: gli scioperi dei piloti agitano i cieli

Gli scioperi mettono in ginocchio i grandi vettori dei cieli europei. Nella giornata di ieri i piloti della compagnia di bandiera tedesca Lufthansa (insieme a British Airways la maggiore d’Europa) hanno incrociato le braccia per 15 ore, dalle 8 alle 23, in quello che si preannuncia essere, secondo gli annunci del sindacato Cockpit, come l’inizio di un’agitazione ben più ampia.

A spingere i piloti alla protesta sono i tagli alle pensioni aziendali e ai pagamenti a chi va prepensionato. Misure considerate fondamentali dai vertici della compagnia, chiamati a mettere a posto i conti in rosso dell’ultimo periodo e ad affrontare la concorrenza, sempre più agguerrita, delle grandi compagnie arabe e dei vettori low cost.



Il 28 settembre, invece, il sindacato dei piloti di Air France ha sospeso lo sciopero di 14 giorni che aveva gettato nel caos i cieli europei, lasciando a terra migliaia di passeggeri in tutto il mondo. L’agitazione è costata circa 280 milioni di euro alla compagnia franco-olandese. 

Anche in questo caso, nonostante il peggio sembri essere passato, non sono da escludere nuove agitazioni. La trattativa tra il sindacato dei piloti e la compagnia, infatti, non ha ancora portato un accordo. Sul tavolo rimane soprattuto la questione dell’unico contratto per Air France piloti e la controllata low cost Transavia.

Commenta