Condividi

L’Italia si salva con la Spagna: 1-1

Gli azzurri vanno vicinissimi alla sconfitta dopo che un errore di Buffon spiana la strada al gol degli ospiti con Vitolo, ma nel finale una bella reazione ci consente di portare a casa un prezioso pareggio su rigore battito da De Rossi – VIDEO.

L’Italia si salva con la Spagna: 1-1

L’Italia soffre per 70 minuti, ma poi strappa un importantissimo pareggio contro la Spagna e resta ancora pienamente in corsa per la qualificazione ai Mondiali di Russia 2018: qualificazione che gli azzurri si giocheranno presumibilmente proprio contro la Roja, con la partita di ritorno in Spagna fissata a settembre 2017. La Nazionale di Ventura inizia malissimo, con poca personalità e lasciando completamente il pallino del gioco agli ospiti, che non si fanno pregare e come sempre fanno del possesso palla la loro forza. 

Tuttavia la Spagna non è più quella di qualche tempo fa, e nonostante l’evidente dominio tecnico e fisico, Buffon non deve fare grandi parate. Purtroppo però è proprio il portierone azzurro a regalare il vantaggio alla nazionale di Lopetegui con un’uscita a vuoto che premia un incredulo Vitolo, che insacca a porta vuota. A quel punto la gara sembra finita, perchè l’Italia per quasi tutta la partita ha dimostrato di far fatica a superare la metà campo e a tenere la palla per più di 2-2 passaggi di fila. 

Ci pensano a quel punto i cambi, con Immobile e Belotti inseriti da Ventura, e soprattutto la forza dei nervi a regalare ai tifosi dello Juventus Stadium un ultimo quarto d’ora più che dignitoso, prima col pareggio (rigore di De Rossi dopo un fallo di Ramos su Eder) e poi con un’Italia che va addirittura vicina alla vittoria in un paio di circostanze.

Il bilancio complessivo è accettabile, nel senso che la Spagna ci è ancora superiore e a un certo punto la partita sembrava persa, ma obiettivamente la Nazionale di Conte, già considerata di livello non consono alla nostra tradizione, era tutt’altra cosa: gli stessi limiti tecnici, forse, ma grinta e personalità da vendere.

Commenta