Condividi

La Bauhaus, il Borsino degli artisti, gallerie e grande cinema su FIRST Arte

La grande architettura e il grande cinema, le mostre, le gallerie d’arte e il Borsino degli artisti sono i piatti forti del nuovo numero di FIRST Arte, il magazine di arte e cultura di FIRSTonline, per qualche tempo ancora consultabile gratis all’indirizzo arte.firstonline.info

La Bauhaus, il Borsino degli artisti, gallerie e grande cinema su FIRST Arte

La Bauhaus, l’architettura che rivoluzionò se stessa, il Borsino degli artisti con un focus su Nicola Carrino, l’ABìCinema del grande schermo, il mondo delle gallerie d’arte con un’intervista ad Andrea Ciaroni, erede di Altomani & Sons: questo e tanto altro sul nuovo numero di FIRST Arte, il magazine di arte e cultura di FIRSTonline.

L’affascinante storia della Bauhaus, l’architettura che insegnava l’essenzialità con il principio “Cominciare da zero”, è una delle storie di copertina del nuovo numero di FIRST Arte.

Un’altra è il nuovo numero del Borsino degli artisti, che si propone di essere una guida per conoscere il profilo e il valore di mercato dei principali artisti italiani e che è stavolta dedicato a Nicola Carrino, l’artista dello “Spazio visionario”, scomparso da poco.

Altro piatto forte è l’intervista ad Andrea Ciaroni, l’erede e animatore della Galleria d’arte Altomani & Sons, che ha sedi a Milano e a Pesaro e che è l’occasione per un viaggio nell’arte antica con una visione contemporanea.

Spicca poi il cinema con la nuova puntata del vademecum del grande schermo,  ABìCinema, dedicata stavolta alla lettera D, che sta per definizione dell’immagine ma anche per De Sica, grandissimo protagonista della storia del cinema del Novecento. Ma al cinema è dedicato anche un servizio su Kedi, originale documentario a quattro zampe.

La mostra della Fondazione Prada a Venezia, l’asta degli orologi rari e ricercati di Christie’s a New York, “La Dea della caccia” e cioè il meraviglioso volume dell’editore Olschki sulla mitica Diana sono altre novità dell’ultimo numero di FIRST Arte. Ma le sorprese non finiscono qui: consultate il magazine, per qualche tempo ancora gratis, e le troverete.

Commenta