Condividi

Juve, Guardiola è il nuovo allenatore: altro colpaccio dopo CR7

Secondo l’Agi, Pep Guardiola, il miglior allenatore al mondo, ha ceduto alle lusinghe della Juve e ne diventerà l’allenatore dopo Allegri: guadagnerà 24 milioni all’anno. Ma il City all’anno. Ma il City smentisce

Juve, Guardiola è il nuovo allenatore: altro colpaccio dopo CR7

Pep Guardiola sarà con tutta probabilità il nuovo allenatore della Juventus dopo l’addio di Max Allegri. Il colpaccio, secondo quanto riferisce l’Agenzia Italia, sarebbe maturato nelle ultime ore e l’allenatore del Manchester City, con cui ha appena vinto al Premier League, dovrebbe essere presentato a Torino dal presidente bianconero Andrea Agnelli il prossimo 14 giugno. Secondo l’Agi, firmerà il contratto il 4. La società bianconera, lungi dallo smentire, si è limitata a un significativo “No comment” che parla da solo. Ha invece smentito il City.

Dopo l’ingaggio di Cristiano Ronaldo dell’anno scorso, per i campioni d’Italia sarebbe un altro colpo leggendario.

Meglio di così i tifosi della Juve, che già ieri è volata in Borsa e che oggi è probabilmente attesa da un’altra seduta al fulmicotone, non potrebbero davvero sperare. Guardiola era ed è l’allenatore dei loro sogni: il mister chiamato a dare l’assalto alla Champions e al nono scudetto consecutivo ma anche ad incantare con il gioco, come fece ai tempi del Barcellona.

Sarà curioso vedere come si integreranno Guardiola e CR7, finora storici rivali ma legati da un rapporto di reciproca stima. E’ probabile che Guardiola, che già anni fa aveva manifestato l’intenzione di venire ad allenare in Italia dove aver giocato nel nostro campionato con la Roma e con il Brescia, abbia ceduto al corteggiamento della Juve proprio per l’opportunità di allenare un campionissimo come Cristiano Ronaldo. Ma anche quest’ultimo è attratto dall’idea di essere allenato dal numero uno degli allenatori al mondo, quale Guardiola è.

L’allenatore – se tutto andrà per il giusto verso – avrà un contratto quadriennale e guadagnerà 24 milioni di euro all’anno.

Commenta