Condividi

In attivo il primo bilancio di FIRSTonline

FIRSTonline, giornale Internet indipendente di economia e finanza, chiude il suo primo bilancio in attivo – Fondato il 23 maggio scorso da Ernesto Auci e Franco Locatelli, FIRSTonline sta ottenendo un crescente successo di critica e di pubblico quantificabile in 400mila accessi mensili con punte quotidiane di 30mila nei giorni più intensi sui mercati.

In attivo il primo bilancio di FIRSTonline

Firstonline.info, il giornale internet di economia e finanza, fondato da Franco Locatelli ed Ernesto Auci, che è stato lanciato il 23 maggio scorso, ha chiuso il bilancio del suo primo esercizio – di soli sette mesi del 2011 – con un utile netto di circa 4.100 Euro, dopo aver pagato circa 8.800 Euro di imposte tra IRAP ed IRES. L’iniziativa, che si è caratterizzata per l’attenta selezione delle notizie e per i qualificati commenti di esperti sui principali temi di politica economica e di finanza, ha ottenuto un immediato apprezzamento da parte del pubblico della rete come testimonia la costante crescita delle pagine viste arrivate ad una media mensile di circa 400.000 accessi, con punte giornaliere nei momenti di maggiore tensione sui mercati o di particolare interesse sui decreti di risanamento adottati dal Governo, di oltre 30.000.

La società editrice di Firstonline, AL Iniziative Editoriali, dispone di un capitale di 199.000 Euro oltre ad un finanziamento infruttifero da parte dei soci di 48.000 Euro, ed ha fatturato nei primi sette mesi di attività poco meno di 400 mila Euro tra abbonamenti e raccolta pubblicitaria. Ai collaboratori, compresi gli oneri sociali, sono andati poco più di 200 mila Euro, mentre tra le altre spese sono state rilevanti quelle riguardanti l’impostazione tecnica del sito e quelle riguardanti la trasmissione.



Superata la fase più difficile di start up, la società si appresta ora a varare una nuova fase di espansione puntando sulla valorizzazione dei contenuti informativi e sul potenziamento dei canali distributivi, potendo contare tra l’altro sulla propria solidità finanziaria che non presenta debiti ma che può avvalersi di una discreta liquidità, che si prevede di poter incrementare sulla scia della buona espansione che la pubblicità sta registrando sul mercato dell’online al contrario di quanto sta avvenendo sulla carta stampata ed in televisione.

Commenta