Condividi

Il deludente dato americano sulla disoccupazione travolge le Borse: Piazza Affari perde lo 0,9%

Dopo aver raggiunto il nuovo record con lo S&P la Borsa americana cambia rotta sull’onda del deludente andamento della disoccupazione e affonda i listini europei – Piazza Affari chiude la settimana in ribasso (-0,9%), trascinata all’ingiù dalle banche popolari e dall’inversione di tendenza di Telecom Italia – Brillano invece Pirelli, Enel Gp e A2A

Il deludente dato americano sulla disoccupazione travolge le Borse: Piazza Affari perde lo 0,9%

Seduta in deciso calo per Piazza Affari e le principali Borse e europee: il Ftse Mib cede lo 0,98%, madrid -1,36%, Parigi -1,15%, Francoforte-2%, Londra -1,12%. Spread BTp/Bund in calo a 177 punti base.

Pesano le tensioni in Ucraina, con la Crimea che ha annunciato un referendum per l’annessione alla Russia, e la minaccia di Gazprom di sospendere approvvigionamenti di gas a Kiev, come nella crisi del 2009. Dall’Ucraina transitano la gran parte dei corridoi del gas europei.



Un tentativo di recupero, non riuscito, i listini europei l’hanno tentato dopo l’uscita dei dati Usa sul lavoro che hanno spinto l’S&P500 a un nuovo massimo a quota 1.883,56 punti. A febbraio i posti di lavoro nell’economia americana sono cresciuti di 175.000 unità, ben al di sopra delle previsioni che erano di 149.000. Ma a pesare sugli umori dei listini è il tasso di disoccupazione è salito al 6.7% rispetto al 6,6% di gennaio. Segnali contrastanti che si sono tradotti in una inversione in territorio negativo dei listini Usa. Parallelamente si è sgonfiato anche il tentativo di risalita dell’Europa.

Peggio delle attese il deficit della bilancia commerciale che a gennaio è salito a 39,10 miliardi di dollari dai 38,98 del mese precedente, dato rivisto in lieve rialzo rispetto alla stima di 38,70 miliardi indicata un mese fa. Le attese degli analisti erano per un ribasso a quota 38,4 miliardi. Il petrolio Wti saledello0,99% a 102,57 dollari al barile, mentre l’oro perde l’1,18% a 1.335,80 dolalri l’oncia. Il cambio euro dollaro viaggia attorno a 1,3869.

A Piazza Affari in evidenza,miglior titolo del FtseMib, Pirelli +1,9% sulla scia del collocamento della quota di Intesa, avvenuto ieri senza sconti rispetto ai prezzi di mercato. Bene anche Enel Green power +1,7%, Stm + 1,13%, Saipem +1,11% e A2A +0,99%.

In fondo al paniere principale Bper -5,7% sui timori di un aumento di capitale, Buzzi unicem -3,05%, Ubi Banca -2,58% e Atlantia -2,44%. L’ad Giovanni Castellucci ha detto che l’attuale politica di dividendi di Atlantia è sostenibile anche per i prossimi anni. In altalena Telecom Italia che chiude in calo del 2,57% dopo i conti e l’azzeramento del dividendo. Mps -1,62%, con un altro 5,7% di capitale passato di mano.

Fuori dal Ftse le ordinarie Italcementi -1,17% mentre le risparmio balzano del 12,58% dopo l’annuncio della conversione obbligatoria in vista dell’Opa su Ciment Français.

Brilla Geox +9% che beneficia del buy di Kepler.

L’11 marzo debutta sull’Aim Italia Triboo Media: la domanda complessiva è stata pari a circa 4 volte l’offerta. La società di pubblicità online debutta sul mercato dopo il collocamento istituzionale di 6 milioni di azioni ordinarie (5,4 milioni di nuova emissione) e senza offerta al pubblico delle azioni. Il prezzo di collocamento è stato fissato a 4 euro con una capitalizzazione complessiva della società pari a circa 63,6 milioni.

Commenta