Condividi

GP Monza: Hamilton 1°, va in testa al Mondiale

Doppietta mercedes al Gran Premio d’Italia: Vettel solo terzo viene scavalcato di 3 punti dal britannico in testa alla classifica mondiale – Marchionne nervoso: “Oggi è stato imbarazzante. Questa non è la Ferrari: bisogna raddoppiare l’impegno”.

GP Monza: Hamilton 1°, va in testa al Mondiale

Gran Premio d’Italia amaro per le Ferrari. La gara sul circuito di Monza si chiude con una doppietta della Mercedes: Lewis Hamilton primo, Valtteri Bottas secondo. Terzo il ferrarista Sebastian Vettel. Il britannico diventa il nuovo leader del Mondiale sorpassando il tedesco.

Al quarto posto la Red Bull di Daniel Ricciardo, autore di una grande rimonta dal 17/o posto in partenza. Quinta l’altra Ferrari di Kimi Raikkonen, davanti alla Force India di Esteban Ocon, alle Williams di Lance Stroll e Felipe Massa. Nono posto per Sergio con la Force India e decimo per Max Verstappen con la Red Bull.



Ecco la classifica piloti aggiornata:

Hamilton 238
Vettel 235
Bottas 197
Ricciardo 144
Raikkonen 138

“Grazie ragazzi! Quella di oggi è stata una giornata difficile ma c’erano tanti tifosi…Grazie ai tifosi, grazie mille!”. Cosi, in italiano, Sebastian Vettelha ringraziato il team e i tifosi via radio dopo aver tagliato il traguardo. Poi, in inglese, ha detto di aver avuto qualche difficoltà nel finale e che bisognerà lavorare in vista dei prossimi gran premi.

“Io amo l’Italia e i suoi tifosi, quelli della Ferrari danno una grande energia. Li rispetto e li apprezzo, ma qui abbiamo fatto un grande lavoro insieme al team”, ha detto invece Hamilton, rispondendo ai numerosi fischi che gli hanno riservato i tifosi sotto il podio di Monza. Poi, però, il britannico ha tirato anche una frecciata: “Il nostro motore è miglior di quello della Ferrari e questa gara l’ha dimostrato”, ha detto sorridendo.

Dello stesso avviso Sergio Marchionne: “Oggi è stato quasi imbarazzante vedere la differenza tra Mercedes e Ferrari”, ha rimarcato il numero uno della casa di Maranello, sottolineando che “l’obiettivo non cambia per il mondiale piloti e costruttori”, e che “questa non è la Ferrari: bisogna raddoppiare l’impegno. Dobbiamo togliere il sorriso dalla faccia di questi, mi stan girando un po’ le balle”.

Commenta