Condividi

Golf, Francesco Molinari ci riprova a The Players

Il campione italiano è iscritto a una delle gare più belle del tour, anche se non è un major: si svolge a Ponte Vedra Beach, in Florida, e ha un montepremi da record (10,5 milioni di dollari).

Golf, Francesco Molinari ci riprova a The Players

Francesco Molinari ci ha fatto sognare la settimana scorsa, dominando il Wells Fargo Championship per i primi due giri. Questa settimana ci riprova e l’appuntamento è molto più prestigioso, si tratta di The Players, una delle gare più belle del tour. Non è un major e neppure un campionato mondiale, eppure occupa un posto unico nel circuito americano di golf, tanto da essere considerato il “quinto” torneo del grande slam. La sfida comincia oggi e termina domenica, si svolge su 72 buche, a colpi, e si disputa da circa 40 anni al Tpc Sawgrass Golf Club, Ponte Vedra Beach, Florida; dal 1982 il tracciato prescelto è lo Stadium Course. Il montepremi è stellare: 10,5 milioni di dollari, 1,890 milioni dei quali vanno al primo classificato. In palio, oltre una serie di esenzioni, ci sono anche 600 punti per la FedexCup,  tanti quanti ne garantisce un major. A differenza dei quattro tornei del grande slam però The Players Championship è una prelibatezza che appartiene solo al circuito Usa e non a quello europeo.

I giocatori in campo sono 147, fra loro 47 dei primi 50 della classifica Fedex. Tutti i migliori del mondo sono ai tee, a partire dal numero uno Dustin Johnson, grande favorito. Il 32enne, originario della Carolina del Sud, è apparso in perfetta forma al Wells Fargo, dove ha rischiato persino di vincere dopo una partenza al rallentatore. Chi pensava che la caduta dalle scale, con risentimento alla schiena, prima del Masters, lo mettesse fuori gioco per l’intera stagione si deve ricredere. Dustin Johnson è in perfetta forma fisica e mentale e sembra intenzionato a difendere la sua leadership a lungo. Speriamo che il nord irlandese Rory McIlroy, fresco della nuova attrezzatura Taylor Made, sfoderi finalmente grinta e talento in quantità e dia del filo da torcere al rivale americano, che lo precede nell’ordine di merito mondiale. Torna in pista dopo il trionfo al Masters anche Sergio Garcia, il fuoriclasse spagnolo che ha finalmente agguantato un major dopo un ventennale inseguimento. Sergio ama questo percorso, dove ha già vinto nel 2008 e dove, più volte, è stato in corsa per il primo posto. Chissà che non possa fare una doppietta riuscita a pochissimi, prima di convolare a nozze nel mese di luglio.

La lista dei big che possono aspirare al podio è lunga è comprende, tra gli altri, il campione in carica, Jason Day, Jordan Spieth, Rickie Fowler, Henrik Stenson, Justin Rose, Adam Scott, Phil Mickelson, Hideki Matsuyama. Debutta per la prima volta in questa gara il basco Jon Rahm, che ha già fatto vedere meraviglie in stagione.

Commenta