Condividi

Eni e Total firmano un accordo sulla tecnologia di raffinazione EST

Eni e Total annunciano un accordo per l’uso della tecnologica EST, sviluppata in Italia dalla ricerca Eni. Si tratta del più innovativo ed avanzato processo di raffinazione attualmente esistente per convertire i prodotti pesanti in componenti più leggeri. L’Eni Slurry Technology è utilizzata dalla raffineria Sannazzaro dal 2013

Eni e Total firmano un accordo sulla tecnologia di raffinazione EST

Le società italiane Eni e Total annunciano un accordo di licenza per il diritto di uso della tecnologia EST. L’Eni Slurry Technology, tecnologia interamente sviluppata in Italia dalla ricerca Eni sarà adattata alle esigenze produttive di Total.

Si tratta del più innovativo ed avanzato processo di raffinazione attualmente esistente per convertire i prodotti pesanti in componenti più leggeri ed è impiegata industrialmente nella raffineria di Sannazzaro dal 2013.



A margine dell’accordo, Giacomo Rispoli, Eni Refining&Marketing and Chemical Executive Vice President Portfolio Management & Supply and Licensing, commenta: “Dopo due anni di sperimentazione di successo dell’impianto EST a Sannazzaro, una tecnologia nuova e consolidata su scala industriale è ora commercialmente disponibile. La tecnologia EST arriva dopo più di 40 anni dagli ultimi processi sviluppati ed è il risultato di 15 anni di lavoro della nostra ricerca”.

“Una delle principali sfide nell’industria della raffinazione è quella di mantenere il passo in linea con le tendenze del mercato petrolifero, all’interno di un modello economico sostenibile, in particolare quando questi cambiamenti sono dettati dalla legislazione e dalle nuove specifiche dei combustibili“ – aggiunge Nathalie Brunelle, Senior Vice President Strategy Development and Reasearch di Total Refining and Chemical – “questo progetto di cooperazione con Eni è un modo per Total di innalzare il suo livello di conoscenze ed esperienze tecnologiche e di avere accesso ad una nuova e consolidata tecnologia di conversione del fondo del barile”

Commenta