Condividi

Enel: nuovo dividendo da Endesa (6,3 mld), il titolo sale in Borsa

La società spagnola del gruppo italiano ha dato il via libera al pagamento di un ulteriore dividendo straordinario in contanti a beneficio della controllante per un ammontare complessivo di 6,3 miliardi di euro – Azioni Enel in controtendenza sul Ftse Mib.

Enel: nuovo dividendo da Endesa (6,3 mld), il titolo sale in Borsa

Il Consiglio d’amministrazione di Endesa, società spagnola del gruppo Enel, ha dato il via libera ieri al pagamento di un ulteriore dividendo straordinario in contanti a beneficio della controllante italiana, che sarà corrisposto sotto forma di acconto dividendo sugli utili dell’esercizio 2014, pari a 6 euro per azione, per un ammontare complessivo di 6,3 miliardi di euro. Lo annuncia Enel in una nota, precisando che l’obiettivo è di “conseguire una più equilibrata ed efficiente struttura patrimoniale della società”.

Dopo la comunicazione, il titolo Enel a Piazza Affari ha aperto in rialzo dello 0,5%, a 3,942 euro, in controtendenza rispetto al Ftse Mib, che negli stessi minuti viaggia appena sotto la parità. 



Il nuovo dividendo straordinario “si aggiunge a quello già comunicato al mercato lo scorso 17 settembre e sottoposto all’approvazione dell’assemblea convocata per il 21 ottobre 2014 – prosegue la nota – di 7,795 euro per azione, per un ammontare complessivo di 8.252.972.752,02 euro, legato alla vendita a Enel Energy Europe della partecipazione del 60,62% posseduta direttamente e indirettamente da parte di Endesa nel capitale della cilena Enersis”.

I dividendi straordinari saranno messi in pagamento il 29 ottobre, dopo l’esecuzione della vendita a Eee della partecipazione posseduta da Endesa in Enersis.

Il cda di Endesa, sottolinea Enel, ha approvato anche una nuova politica di dividendi per il 2014-2016 che, “alla luce dell’elevata generazione di cassa prevista da parte di Endesa, prevede per l’esercizio 2014 la distribuzione, in aggiunta all’acconto dividendo di natura straordinaria di 6 euro per azione e all’ulteriore dividendo straordinario di 7,795 euro, di un dividendo ordinario in contanti pari a 0,76 euro per azione, per un ammontare complessivo di circa 800 milioni, da mettere in pagamento nel corso del 2015”.

Per il 2015 e il 2016, conclude la nota, c’è l’obiettivo di un aumento del dividendo ordinario di 0,76 euro “nella misura di almeno il 5% su base annua” ed è previsto il pagamento dei dividendi ordinari “in due soluzioni, nel corso dei mesi di gennaio e luglio, in linea con quanto praticato dai principali competitor”. 

Commenta