Condividi

Crisi Sogefi: l’ad Fiocchi lascia, titolo crolla in Borsa

Tonfo di Sogefi (gruppo Cir) in Borsa dopo la pessima trimestrale che ha comportato le dimissioni dell’ad Guglielmo
Fiocchi.

Crisi Sogefi: l’ad Fiocchi lascia, titolo crolla in Borsa

I pessimi conti trimestrali e le dimissioni dell’ad Guglielmo Fiocchi costano caro a Sogefi, società del gruppo Cir, anche in Borsa. Intorno alle 10 il titolo perde quasi il 9% a 2,298 euro.

Ieri il cda di Sogefi aveva approvato i conti dei nove mesi che vedono ricavi a 1,01 miliardi (stabili sull’anno scorso), un Ebitda di 80,8 milioni (-25,5%, ma il calo sarebbe dell’11% senza oneri di ristrutturazione) e una perdita netta di 5,8 milioni (dall’utile di 23,8 milioni registrato nei primi nove mesi del 2013). L’indebitamento si attesta a 348 milioni (da 340,8 milioni del 30 giugno scorso).



L’amministratore delegato Guglielmo Fiocchi, “di comune accordo con la società, lascia Sogefi”. Su proposta del presidente Rodolfo De Benedetti, Monica Mondardini ha assunto l’incarico di vice presidente esecutivo; verrà comunque nominato un nuovo ad.
“I risultati dei nove mesi – spiega la società – risentono soprattutto della persistente debolezza del mercato sudamericano, dove i ricavi sono calati del 23,3% rispetto al 2013. Sui margini, oltre che il Mercosur, incidono anche le ristrutturazioni e le conseguenti temporanee inefficienze industriali in Europa”.

Commenta