Condividi

Borsa, Fiat giù dopo notizia faro Consob

Arriva a perdere fino al 3% il titolo Fiat in Piazza Affari, in seguito ai timori innescati dal faro Consob sulla liquidità del gruppo.

Borsa, Fiat giù dopo notizia faro Consob

Continua a perdere Fiat a Piazza Affari, in seguito ai timori innescati dal faro Consob sulla liquidità del gruppo: il titolo del Lingotto registra in mattinata un calo del 2,77% attestandosi a 4,35 euro, dopo essere arrivato a perdere anche il 3%.

Mentre la casa automobilistica è alle prese con il forte rallentamento delle vendite in Europa, a complicare il quadro è quest’oggi l’articolo de Il Messaggero, che riferisce che Fiat è sotto i riflettori della Consob per la liquidità dichiarata in semestrale e pari a 22,7 miliardi di euro.



Liquidità sulla quale la Commissione dei mercati vorrebbe fare chiarezza. Il debito, sempre in semestrale, si è attestato a 5,4 miliardi. Sergio Marchionne, l’ad del gruppo, ha spiegato che il ‘tesoretto’ della società, formato da linee di credito e corporate bond, viene tenuto nelle casse perchè sarà utilizzato per tre scopi: in primis per rilevare completamente la casa Usa, Crhysler.

Del resto fino a quando Fiat non controllerà il capitale dell’azienda Usa, non avrà carta bianca sulla liquidità della casa di Oltreoceano (adesso detiene il 58,8% del capitale). Una parte della liquidità sarà inoltre utilizzata per sostenere la vendita di auto, sotto forma di rateizzazioni. Infine un terzo andrà a sostenere le iniziative rivolte all’Europa, come l’attivazione di una porzione del progetto Fabrica Italia.

L’indagine della Consob, però, ha messo in allerta gli investitori. Sempre oggi il Corriere Economia ha scritto che Investindustrial, il fondo guidato da Andrea Bonomi, starebbe studiando di rilevare una quota di Alfa Romeo, per partecipare al rilancio della società. I titoli, però, non si scaldano su tale ipotesi.

Commenta