Condividi

Aborto, la cancellazione della Roe vs Wade è solo l’inizio: nel mirino della Corte estremista contraccezione e nozze gay

Dopo sentenza che toglie diritti alle donne in materia di aborto, la Corte Suprema americana potrebbe applicare la stessa ratio su contraccezione e matrimoni gay

Aborto, la cancellazione della Roe vs Wade è solo l’inizio: nel mirino della Corte estremista contraccezione e nozze gay

Riportiamo di seguito l’intervento a caldo di Maureen Dowd, opinionista di punta del “New York Times”, sul rovesciamento della sentenza della Corte suprema Roe vs Wade che cancella la protezione federale al diritto di scelta delle donne in materia di aborto. 

Sono toni infuocati quelli della Dowd che hanno come bersaglio il giudice conservatore, nominato da Bush padre, Clarence Thomas. Thomas ha svolto un ruolo determinante in questa decisione togliendo ogni margine di manovra e di mediazione al presidente della Corte John Roberts che si è dissociato dall’opinione di maggioranza.

Nella sua concurrent opinion, quella di maggioranza è stata stesa dal giudice Samuel Alito, Thomas ha scritto: “la stessa ratio deve essere applicata per rovesciare la contraccezione e il matrimonio tra persone dello stesso sesso”.

. . .

Che succede a Washington?

“Cosa sta succedendo qui?”, ha detto venerdì un’affranta Nancy Pelosi.

È una buona domanda e posso rispondere io, perché ero presente all’inizio della tossica catena di eventi che ha portato le donne a perdere il controllo del proprio corpo. Ho visto come l’America si è trasformata da faro della modernità in una oscura eccezione.

Negli ultimi tre decenni ho assistito a una triste saga di opportunismo, fanatismo, mendacia, concupiscenza, ipocrisia e codardia. Questa è una storia di uomini che guadagnano potere barattando qualcosa che per loro significa poco rispetto al proprio status: i diritti delle donne.

Accadde a Kennebunkport

È iniziata in modo abbastanza innocente in una bella giornata estiva a Kennebunkport, con l’oceano scintillante e un pranzo a base di insalata di polpa di granchio e muffin inglesi.

Mi stavo occupando della nomina da parte del primo presidente Bush di un quarantatreenne giudice della corte d’appello degli Stati Uniti per il circuito di Washington, che avrebbe preso il posto del giudice Thurgood Marshall, ormai in pensione. 

Clarence Thomas, in piedi davanti a una casetta rivestita di ciottoli battuta dal vento, sembrava a disagio mentre Bush spiegava la sua scelta di nominarlo come giudice della Corte suprema.

I segnali erano chiari già allora. Il senatore democratico Howard Metzenbaum dell’Ohio minacciò di indagare sui precedenti del giudice Thomas in materia di aborto, affermando: “Non sosterrò l’ennesimo candidato alla Corte suprema di Reagan-Bush che rimane in silenzio sul diritto di scelta di una donna e poi sale alla Corte per indebolire tale diritto”.

Il baratto di Bush padre

Thomas era molto lontano dall’ideale di leone liberale e di eroe dei diritti civili impersonato da Marshall. Si è opposto all’affirmative action, anche se ha contribuito alla sua ascesa, ed è stato sostenuto dagli attivisti anti-aborto, sicuri che avrebbe indebolito il diritto di scelta delle donne.

H.W. [Bush] e suo padre erano episcopaliani del New England con una storia orgogliosa di sostegno a Planned Parenthood. 

Prescott Bush era stato uno dei primi sostenitori negli anni ’40 e una volta era stato tesoriere di una campagna di raccolta fondi. Quando era deputato al Congresso del Texas, H.W. era stato soprannominato “Rubbers” dai suoi colleghi perché era un sostenitore della pianificazione familiare negli Stati Uniti e nel mondo.

Ma quando Bush si unì a Ronald Reagan nel 1980, adottò la posizione più restrittiva di Reagan. La destra, però, rimaneva sospettosa nei confronti di Bush e, nella speranza di convincerla a rieleggerlo, Bush nominò l’ultraconservatore Thomas. 

Voleva anche fare appello agli elettori neri, ancora arrabbiati per la squallida storia di Willie Horton [ergastolano e congedato per un fine-settimana, senza rientrare in carcere si era macchiato di altri gravi crimini] la cui strumentalizzazione aveva contribuito a eleggerlo alla Casa Bianca.

I diritti delle donne dovettero passare in secondo piano rispetto alle esigenze della rielezione.

Le responsabilità di Biden

Tre mesi dopo, Anita Hill raccontò al Congresso la storia del suo capo, Thomas, che la tormentava con attenzioni indesiderate e discorsi sconci sui film pornografici che amava guardare. [in proposito c’è un film del 2016, Confirmation, in streaming su Sky].

Joe Biden era il presidente delle audizioni al Senato per la nomina di Thomas. 

Lasciò che Hill venisse ferocemente fatta a pezzi dai repubblicani e poi chiuse bruscamente le udienze, cancellando la comparsa dei due testimoni a sostegno della donna. 

Molti senatori della Commissione – composta interamente da uomini bianchi – pensarono in privato che si trattasse di un’avventura d’ufficio finita male. Povero ragazzo, dissero tra loro, non aveva senso lasciare che la sua vita fosse rovinata da qualcuna che ritenevano, senza alcuna prova, fosse una ex in cerca di vendetta. 

La Hill è stata diffamata come erotomane spergiura e Biden, sprecando la maggioranza democratica del Senato, ha permesso che un bugiardo, un pervertito e un molestatore sessuale venisse elevato a un seggio a vita nella Corte.

I diritti delle donne sono passati in secondo piano rispetto al desiderio di Biden di promuovere il bipartitismo con i colleghi conservatori. E con Thomas, quei conservatori hanno ottenuto il giudice dei loro sogni, il primo di una serie di radicali di destra.

Il duo Trump/McConnell

Quando è arrivato Donald Trump, con alle spalle una storia di luride trasgressioni sessuali, i repubblicani amanti della famiglia e la destra religiosa non se ne sono preoccupati. 

Sapevano che era colui che avrebbe potuto portarli nel Valhalla della Corte suprema.

Mitch McConnell [leader dei Repubblicani al Senato] e i suoi tirapiedi della Federalist Society hanno usato Trump come corpo ospitante. Dopo aver stravolto le regole per tenere Merrick Garland [candidata di Obama] fuori dalla Corte, McConnell ha fatto passare Amy Coney Barrett. 

Trump, che un tempo era stato un democratico pro-choice, ammiratore di Nancy e Hillary e di Chuck [Nancy Pelosi, Hilary Clinton, e Chuck Schumer – senatore democratico di New York], è stato felice di cambiare campo per ottenere il favore di una base anti-abortista.

I diritti delle donne hanno di nuovo dovuto passare in secondo piano rispetto all’ego e all’ambizione di Trump e al desiderio di McConnell di avere una corte conservatrice che avrebbe ridotto il raggio d’azione del governo, negando le tutele agli americani che ne hanno bisogno o che le apprezzano. 

Hanno fatto passare tre giudici conservatori – uno ha dovuto difendersi da accuse di violenza sessuale e l’altro era in una strana setta stile Handmaid’s Tale [Il racconto dell’ancella, il romanzo distopico di Margaret Atwood]– e questo è stato uno scacco matto per la Roe vs Wade.

Neil Gorsuch e un altro nominato da Trump, Brett Kavanaugh, stanno ora affrontando le accuse dei senatori secondo le quali avrebbero mentito per entrare nella Corte e avrebbero minimizzato le loro intenzioni di buttare giù la Roe. Secondo Carl Hulse del “Times”, Kavanaugh ha detto a Susan Collins [Senatrice repubblicana dello Stato dei Maine]: “Io sono un giudice che non si fa prendere la mano”.

Non è che l’inizio

L’opinione convergente di Thomas a quella di maggioranza del fanatico Samuel Alito, che rovescia la Roe v. Wade, annuncia in modo agghiacciante che si applicaherà la stessa logica alla contraccezione, al matrimonio omosessuale e alle relazioni consensuali tra persone dello stesso sesso.

Quando la nomina di Thomas incontrò delle resistenze, l’amministrazione Bush lo vendette come l’esempio di un uomo di colore di umili origini che si era fatto da solo. Quel giorno a Kennebunkport, Thomas raccontò di essere stato cresciuto dai suoi nonni, mezzadri della Georgia rurale.

Ma in tribunale era stato crudele, spingendo su sentenze che avrebbero schiacciato i poveri e i diseredati.

Mentre sua moglie [Virginia Thomas, attivista trumpiana] aiutava Trump con il suo colpo di stato, Thomas si trasformava nel suo più agguerrito sobillatore alla Corte. 

Ha tolto il potere a John Roberts [Il Presidente, di nomina repubblicana] e sta sfidando la volontà della maggioranza del Paese in modo terrificante.

Giovedì, nel bel mezzo di un’epidemia di sparatorie di massa, con il Congresso che ha finalmente ottenuto una lieve vittoria sul controllo delle armi, Thomas ha aperto la porta a un maggior numero di armi in circolazione. Ha scritto l’opinione di maggioranza che ribalta una legge di New York che limita il diritto di portare un’arma in pubblico, eliminando un requisito vecchio di oltre un secolo.

In un’altra sentenza della scorsa settimana, i giudici hanno intaccato la separazione tra Stato e Chiesa sancita dal Primo emendamento, un fondamento della Repubblica. E ora si occuperanno di eliminare le protezioni ambientali e di ridurre la capacità del governo di regolamentare e limitare i diritti delle imprese.

La Corte è fuori controllo. Ci sentiamo impotenti a fare qualcosa. Clarence Thomas, tra tutti, ha contribuito a portarci al punto in cui siamo, con estremisti irresponsabili che dettano il nostro modo di vivere. E questo è rivoltante. 

. . .

Da: Maureen Dowd, The Radical Reign of Clarence Thomas, The New York Times, 25 giugno 2022 

. . .

Maureen Dowd, vincitrice del premio Pulitzer 1999 per il suo lavoro di commentatrice, è diventata columnist Op-Ed del “New York Times” nel 1995. Nell’agosto 2014 ha iniziato a collaborare anche con Times Magazine.

Nata a Washington 70 anni fa, nel 1983 è entrata al “New York Times” come metropolitan reporter e poi si è trasferita all’ufficio di Washington del quotidiano di New York dove ha iniziato a scrivere di politica come corrispondente dalla Casa Bianca. Ha coperto nove campagne presidenziali, curando anche la colonna di Times Magazine “On Washington”.

Nel 2004 ha pubblicato il suo primo libro, Bushworld sulla personalità di George W. Bush, un libro che ha rapidamente scalato la classifica dei best-seller. Si è quindi dedicata alle questione dei generi anticipando con Are Men Necessary? When Sexes Collide, pubblicato nel 2005, i temi del movimento Me Too.

Oltre al New York Times, Maureen Dowd ha scritto e scrive per GQ, Vanity Fair, Rolling Stone, The New Republic, Mademoiselle, Sports Illustrated e altri. La sua rubrica appare ogni domenica sul “New York Times”

One thought on “Aborto, la cancellazione della Roe vs Wade è solo l’inizio: nel mirino della Corte estremista contraccezione e nozze gay

  1. Quanto scritto in questo articolo è falso! Se aveste letto la sentenza avreste visto che vi è esplicitamente scritto che matrimonio gay, e contraccezione non saranno toccati.

    E poi chiamare questa una corte estremista è davvero vergognoso!

    Reply

Commenta