Condividi

Venezia – Fondazione Peggy Guggenheim, una storia affascinante: Jackson e Charles Pollock

Martedì 2 giugno la Collezione Peggy Guggenheim rimarrà eccezionalmente aperta, dalle 10 alle 18, pronta ad accogliere tutti coloro che decideranno di trascorrere la giornata di festa tra i capolavori collezionati da Peggy. Un’imperdibile occasione per farsi rapire dalle mostre dedicate a Jackson e Charles Pollock.

Venezia – Fondazione Peggy Guggenheim, una storia affascinante: Jackson e Charles Pollock

Jackson Pollock, Murale. Energia resa visibile porta per la prima volta in Italia e a Venezia “il leviatano”, come recita il New York Times, Murale (oltre 6 metri di lunghezza per 2,5 di altezza), realizzato da Pollock nell’estate del 1943 per l’appartamento newyorkese di Peggy, perno focale di un’esposizione che intende rileggerne il ruolo fondante nell’arte americana, e non solo, del XX secolo. “Un’opera epica”, la definisce il Guardian, che viene messa in relazione dal curatore della mostra David Anfam con la pittura murale americana degli anni ’40, e con la “action photographs” di quegli anni. Esposte accanto al Murale fotografie ed esperimenti fotografici di Gjon Mili, Barbara Morgan, Aaron Siskind, Herbert Matter, amici di Pollock, nonché un altro gigantesco capolavoro, di Robert Motherwell, Elegia per la Repubblica Spagnola n. 126, e Alchimia, sempre di Jackson Pollock, reduce da un importante intervento di conservazione di 18 mesi all’Opificio delle Pietre Dure di Firenze. 

Imperdibile anche la prima e più esaustiva retrospettiva mai realizzata, dedicata al fratello maggiore del genio dell’Espressionismo astratto americano, Charles Pollock. “Una storia affascinante”, l’ha definita Repubblica, che attraverso oltre 100 opere, inclusi documenti inediti provenienti dall’Archivio Charles Pollock di Parigi, ripercorre la longeva carriera di Charles, che spaziò dal “regionalismo” al “color-field”, presentando al contempo, in chiave intimista e privata, i rapporti tra i membri della famiglia Pollock.



Prosegue inoltre l’allestimento nelle sale temporanee del museo del percorso multimediale della mostra Alchimia di Jackson Pollock. Viaggio all’interno della materia, che permette ai visitatori di ripercorrere le fasi di conservazione di Alchimia. Touch-screen, video e una riproduzione in 3D dell’opera fanno rivivere l’incredibile viaggio all’interno della materia.

 Ph. Matteo De Fina

Commenta