Condividi

Unicredit: Beretta promosso responsabile Institutional Affairs & Sustainability

Unicredit annuncia che Maurizio Beretta, responsabile Identity & Communications del gruppo dal 2011, è stato promosso responsabile Institutional Affairs & Sustainability e presidente delle Fondazioni oggi unite in Unicredit Foundation – Max Hohenberg entrerà in Unicredit come nuovo responsabile Identity & Communications del Gruppo.

Unicredit: Beretta promosso responsabile Institutional Affairs & Sustainability

Unicredit annuncia che Maurizio Beretta, responsabile Identity & Communications del gruppo dal 2011, è stato promosso responsabile Institutional Affairs & Sustainability e presidente delle Fondazioni oggi unite in Unicredit Foundation, e che Max Hohenberg entrerà in Unicredit a fine maggio come nuovo responsabile Identity & Communications del Gruppo.

La nuova struttura di Institutional Affairs & Sustainability del Gruppo, guidata da Maurizio Beretta, si occuperà della gestione dei rapporti con controparti istituzionali e opinion leader, nonché delle iniziative di Sostenibilità e Responsabilità sociale d’impresa, delle attività di Social Impact Banking, della Fondazione Unicredit, delle sponsorizzazioni culturali e Donazioni. Maurizio Beretta continuerà a riportare al ceo, Jean Pierre Mustier e rimane un invitato permanente del comitato di gestione esecutiva del Gruppo.



Max Hohenberg, esperto di comunicazione internazionale con una profonda conoscenza del contesto italiano, guiderà Identity & Communication di gruppo, che comprende a livello di Gruppo Media Relations, Internal Communication, Digital Communications e Brand Management. Lavorerà inoltre a stretto contatto con Institutional Affairs & Sustainability di Gruppo e con il team di Investor Relations al fine di garantire la coerenza dei messaggi e dell’approccio di comunicazione in tutto il Gruppo. Max Hohenberg lavorerà a diretto riporto dell’ad, Jean Pierre Mustier e diventerà un invitato permanente del comitato di gestione esecutiva del Gruppo.

Il ceo di Unicredit, Jean Pierre Mustier, ha dichiarato: “Desidero congratularmi con Maurizio per la promozione, nel nuovo ruolo continuerà a sostenere UniCredit anche grazie alla sua eccellente rete di relazioni. Sono lieto di dare il benvenuto a Max nel Gruppo, è un ex banchiere diventato esperto di comunicazione con una lunga attività nel settore dei servizi finanziari e una consolidata esperienza in organizzazioni multinazionali. Max è la persona giusta per UniCredit e mi fa piacere iniziare a lavorare con lui per continuare il percorso di rafforzamento della nostra cultura One Bank One UniCredit e garantire il nostro futuro come un vero vincitore pan-europeo”.

Maurizio Beretta ha iniziato la sua carriera alla Rai, e ha trascorso 20 anni come giornalista, inviato speciale e direttore di RaiUno prima di entrare nel Gruppo Fiat nel 2001, dove nel 2003 è diventato direttore delle relazioni istituzionali e internazionali. Maurizio Beretta è stato Direttore Generale di Confindustria dal 2004 al 2009 e membro del Consiglio di Amministrazione del Cnel, che gli ha consentito di rafforzare la sua esperienza e la sua importante rete di relazioni. Nel marzo 2011, Maurizio ha assunto il ruolo di responsabile Identity & Communications di Unicredit.

Max Hohenberg, austriaco che parla fluentemente italiano, inglese e francese, prima di UniCredit, è stato Partner presso CNC Communications, la principale società di consulenza di comunicazione internazionale tedesca e anche responsabile delle attività austriache di
CNC. Ha una vasta esperienza di consulenza in comunicazioni politiche, comunicazioni aziendali, IR e nello sviluppo strategico. Nel biennio 2013-14 Max Hohenberg ha curato per lo IOR le comunicazioni relative alle riforme di compliance. Prima di entrare a far parte di CNC nel 2002, Max ha trascorso sei anni presso SalomonSmithBarney (Citigroup) dove si è occupato sui mercati dei capitali ed è stato co-responsabile delle IPO per i mercati tedesco e austriaco. Max Hohenberg ha conseguito un Master presso la London School of Economics.

Commenta