Condividi

Parma, Capodanno “dancefloor” sulle note dell’inventore della Disco music

Dalle 22.30 di giovedì 31 dicembre 2015, piazza Garibaldi si trasforma in un enorme dancefloor per festeggiare l’arrivo dell’anno nuovo.

Parma, Capodanno “dancefloor” sulle note dell’inventore della Disco music

A Capodanno, dalle 22.30, piazza Garibaldi si trasformerà in un enorme dancefloor per accogliere GIORGIO MORODER, uno dei geni indiscussi della musica degli ultimi quarant’anni.

Saranno le note dell’inventore della Disco music ad accompagnare il pubblico nel nuovo anno con un DJ set prodotto da Moroder stesso, promosso dal Comune di Parma e dal Teatro Regio di Parma, nel quale l’artista altoatesino ripercorrerà alcuni dei suoi maggiori successi che hanno segnato la storia e il sound della musica internazionale.



Il concerto è gratuito.

A 75 anni, Giorgio Moroder è pronto a dare una sferzata di energia e di vitalità alla notte più pazza dell’anno, fedele alla massima con la quale presentava il suo disco 74 is the new 24, “La Dance music non si preoccupa di dove tu vivi. Non si preoccupa di quali amici hai. Non si preoccupa di quanti soldi tu abbia. Non si preoccupa se tu hai 74 o 24 anni”. Indiscusso padre fondatore della musica elettronica live è stato autore delle maggiori hit di Donna Summer come I Feel Love o Love to Love You Baby e ha collaborato con i più grandi artisti pop e rock internazionali.
Dagli anni ottanta, Moroder si è cimentato nella scrittura di colonne sonore per film che hanno ottenuto grandi successi, vincendo numerosi Golden Globe e premi Oscar, come per “Fuga di mezzanotte” (The Chase), “Flashdance” (Flashdance…What a feeling) e “Top Gun” (Take my breath away).
Nel 2013 Moroder riacquista nuova popolarità grazie alla collaborazione all’album Random Access Memories dei Daft Punk in cui nella traccia “Giorgio by Moroder” incide un proprio pezzo autobiografico, divenuto poi un vero tormentone riscuotendo un enorme consenso tra il pubblico così da spingerlo a tornare sulla scena della musica internazionale pubblicando ancora, a trent’anni dall’ultima fatica, il nuovo album “Déjà Vu” e a esibirsi in pubblico.

Commenta