Condividi

Lse, No secco all’opa cinese. Gli occhi di Euronext su Milano

Il board di Lse “Non vede alcun valore in un ulteriore impegno con Hong Kong” – Stroncata la proposta dei cinesi che potrebbero però alzare il tiro

Lse, No secco all’opa cinese. Gli occhi di Euronext su Milano

Il London Stock Exchange dice No, e anche con una certa brutalità, all’offerta avanzata da Hong Kong Exchanges and Clearing. I 29,6 miliardi di sterline (37 miliardi di euro), messi sul piatto dai cinesi, per il momento, non sembrano aver tentato i britannici, nonostante le preoccupanti prospettive su Brexit avrebbero potuto indurre la City a cercare un’ancora di salvezza prima di veder “affondare la barca”.

E Invece il rifiuto è stato secco: “Il consiglio di amministrazione” di Lse “nutre preoccupazioni significative sugli aspetti chiave della proposta: strategia, fattibilità, forma del compenso e valore. Di conseguenza il board respinge all’unanimità la proposta e, visti i suoi difetti fondamentali, non vede alcun valore in un ulteriore impegno con Hong Kong“, si legge in una nota ufficiale diramata il 13 settembre.



La società – prosegue la nota – continuerà a “concentrarsi sull’acquisizione di Refinitiv“, dal fondo Blackstone. L’operazione “è sulla buona strada per concludersi nella seconda metà del 2020”. Le trattative tra Londra e Hong Kong sembrano dunque destinate ad arrestarsi ancora prima di partire.

Potrebbe però non essere ancora detta l’ultima parola. Dato il forte interesse manifestato nel recente passato verso il mercato europeo, da Hong Kong potrebbero decidere di alzare il tiro, puntando il tutto per tutto sulla piazza finanziaria più importante d’Europa.

Il risiko delle Borse però potrebbe non coinvolgere solo Londra. Secondo MF, importanti novità potrebbero riguardare anche Milano. Euronext, la società che controlla i listini di Parigi, Amsterdam, Bruxelles, Bruxelles, Lisbona, Dublino, Oslo e alcuni segmenti a Londra sembrebbe molto interessata al destino di Piazza Affari, attualmente controllata proprio da Lse. “Così, i vertici di Euronext stanno studiando la modalità per avviare contatti istituzionali con Hong Kong e valutare il da farsi”, conclude Milano Finanza.

Commenta