Condividi

La crescita della fiducia fa salire la Borsa: Piazza Affari (+1,67%) il miglior listino d’Europa

Milano si guadagna il miglior rialzo tra le Piazze europee e chiude a +1,67% – Positive comunque anche le altre Borse europee in scia alle rassicurazioni del presidente della Bce Mario Draghi che, intervistato alla radio francese Europe 1 ha detto di non vedere rischi di deflazione.

La crescita della fiducia fa salire la Borsa: Piazza Affari (+1,67%) il miglior listino d’Europa

Milano si guadagna il miglior rialzo tra le Piazze europee e chiude a +1,67%. Positive comunque anche le altre Borse europee in scia alle rassicurazioni del presidente della Bce Mario Draghi che, intervistato alla radio francese Europe 1 ha detto di non vedere rischi di deflazione. “Nell’intera Eurozona non vedo rischi di deflazione ma di inflazione molto bassa per un lungo periodo – ha sottolineato Draghi aggiungendo che l’intera area euro “non è in recessione” ma “la ripresa è modesta, debole e fragile”.

Parigi sale dell’1,25%, Londra dello 0,45%, Madrid dello 0,51%. Francoforte guadagna lo 0,7% nonostante un nuovo calo dell’indice Ifo sceso a quota 104,7, in discesa per il quinto mese consecutivo. Lo spread Btp bund ha chiuso a 137 punti base. In Italia a settembre migliora lievemente a 102 da 101,9 l’indice di fiducia dei consumatori.

In Grecia sono in corso gli ultimi preparativi per l’arrivo ad Atene dei rappresentanti della troika (Fmi, Ue e Bce) previsto per lunedì 29 settembre per il quinto ed ultimo controllo sull’attuazione del programma di risanamento dell’economia nazionale. La Borsa di Atene chiude a +0,21%.

Wall Street ha aperto in lieve rialzo e alla chiusura dell’Europa si mantiene in territorio positivo: il Dow Jones sale dello 0,53%, l’S&P500 dello 0,47%, il Nasdaq dello 0,67%. Rimangono comunque le tensioni geopolitiche a minacciare gli umori dei listini con l’escalation dello scontro con l’Isis.

In rialzo Alibaba dopo l’Ipo dei record. Sul fronte macroeconomico, le vendite di case nuove negli Stati Uniti sono salite ad agosto del 18% rispetto al mese precedente alla quota destagionalizzata di 504mila unità battendo sensibilmente le attese degli analisti ferme a 426mila. Calano invece le richieste settimanali di nuovi mutui del 4,1%. Il mercato guarda anche al discorso di Charles Evans della Fed di Chicago e a possibili indicazioni sulla strategia della banca centrale Usa in attesa della prossima riunione della Fed di ottobre.

Dopo i dati macro Usa, l’euro si è rafforzato sul dollaro portando il cambio euro dollaro ai minimi da luglio 2013 a 1,2774. Il petrolio Wti è poco mosso a 91,52 dollari al barile (-0,04%) mentre i petroliferi sono in evidenza in tutta Europa. A Piazza Affari Eni sale del 2,55%, Saipem +1,87%, Snam del 2,65%.Miglior titolo del FtseMib è Cnh Industrial che balza del 3,62% dopo l’annuncio che il gruppo fornirà 710 autobus a Deutsche Bahn. Secondo miglior titolo è Luxottica +2,92%, seguita da Bpm +2,83%. Intesa +1,86%. Mps +2,49%. Ubi +1,04%, Unicredit +1,47% all’indomani dell’accordo su Pioneer in cui entrano gli spagnoli di Santander. P

er la vendita di Uccmb il vice direttore generale Paolo Fiorentino ha detto che Unicredit è alla fine del processo ” Siamo molto attenti alla valorizzazione dell’asset che è un asset molto ambito”, ha precisato indicando che ritiene che la vendita sarà conclusa entro la fibne dell’anno.Non tutti i bancari si muovono però in territorio positivo: Banco Popolare è tra i peggiori titoli del Ftse mib e cede l’1,89%, Mediobanca perde l’1,25%.Telecom Italia sale del 2,76% in attesa del Cda sulle strategie in Sud America che, programmato per domani, è stato rinviato a venerdì. Peggior titolo del Ftse Mib è comunque Yoox ch, finito l’effetto quotazione di Zalando, perde il 2,95%. Male anche Buzzi Unicem -2,7% e Mediaset -1,12%.

Commenta