Condividi

“Friendz”, un’app per guadagnare con i social

Tre ragazzi della provincia di Varese hanno immaginato un modo per far guadagnare sia gli utenti dei social sia le grandi aziende in cerca di marketing

“Friendz”, un’app per guadagnare con i social

Non serve essere un esperto di marketing digitale per guadagnare soldi con Facebook, Twitter o Istagram: anche usare i social network come ogni giorno può dare profitto. È questa l’idea da cui sono partiti tre ragazzi della provincia di Varese che l’anno scorso hanno dato vita a “Friendz”, una startup che di recente ha incassato un finanziamento di 300mila euro da Triboo.

Come funziona. Il meccanismo è semplice. Si inizia scaricando l’applicazione (gratuita per Android e iOS) e iscrivendosi attraverso il proprio profilo Facebook. A quel punto ci si trova di fronte a una serie di campagne di marketing (alcune proposte dalle aziende, altre slegate da un brand specifico) che chiedono agli utenti di Frienz azioni specifiche (ad esempio scattare una foto seguendo un tema particolare, mettere un like o condividere un post), che saranno poi condivise sui loro profili social. Questi contributi saranno poi remunerati attraverso crediti spendibili tramite coupon e-commerce (ad esempio, Amazon, Feltrinelli, Kiko, Ryanair, TicketOne, GameStop, Zara e tanti altri).

La storia. Friendz nasce nella primavera del 2015, in un piccolo paese in provincia di Varese, dall’idea di tre giovani: Alessandro Cadoni, Daniele Scaglia e Cecilia Nostro. In pochi mesi di sviluppo, i tre fondatori vincono il Web Marketing Festival 2015 e ricevono un primo finanziamento da 60mila euro. Nel team entra anche Andrea Mascheroni, e dopo soli sei mesi di vita i quattro giovani (25 anni in media) bussano alla porta di grandi brand, entrando in contatto con gli uffici marketing, che decidono di provare il sistema e iniziano ad acquistare le prime campagne pubblicitarie.

Nel frattempo nasce Casa-Friendz, la casa-ufficio di questa giovane realtà, che porta una dose di creatività anche all’interno dei processi aziendali: il team ha vissuto e lavorato insieme per mesi, nello stesso luogo e i processi di selezione del personale si sono basati su dinamiche totalmente non-convenzionali (ad esempio, escape room, sfide divertenti, giochi).

“La componente essenziale della nostra azienda risiede nella creatività – spiegano Alessandro e Cecilia -, nella capacità di portare un’innovazione all’interno del digital marketing e per fare questo abbiamo bisogno di un team in grado di pensare e agire in maniera creativa e non standard. Proprio per questo le nostre selezioni sono così particolari e divertenti e ci aiutano a individuare le persone migliori per la nostra realtà”.

Oggi Friendz dà lavoro a 14 giovani e collabora con oltre 20 grandi brand (tra cui Timex e Sector), gestendo oltre 100 campagne pubblicitarie.

Commenta