Condividi

Cdp-Ics: accordo per le infrastrutture sportive

Le due società pubbliche hanno stretto una la collaborazione volta alla costruzione, all’ampliamento e al miglioramento degli impianti sportivi e al sostegno di attività sociali e culturali

Cdp-Ics: accordo per le infrastrutture sportive

La Cassa Depositi e Prestiti e l’Istituto per il Credito Sportivo hanno siglato un accordo per sviluppare infrastrutture sportive in Italia. Lo annuncia Cdp in una nota.

In particolare, “la collaborazione – si legge – sarà dedicata alla costruzione, all’ampliamento e al miglioramento degli impianti sportivi e al sostegno di attività sociali e culturali, al fine di dare un supporto concreto ad un settore strategico per l’economia del Paese”.

Cdp e Ics si impegnano a supportare il settore “attraverso diverse modalità di intervento: dalla consulenza alla Pubblica Amministrazione per investimenti in infrastrutture sportive e culturali che prevedano anche il coinvolgimento di capitali privati, fino alla collaborazione delle attività di progettazione, sviluppo e riqualificazione di impianti, nell’ambito di più ampi progetti di rigenerazione urbana e valorizzazione di beni del patrimonio pubblico”.

L’accordo prevede, inoltre, la configurazione di “specifici strumenti finanziari e di garanzia a supporto delle imprese culturali e sociali, anche attraverso l’impiego di risorse europee, o l’utilizzo del Fondo Rotativo Imprese”, gestito da Cdp.

“Questo accordo ci permette di consolidare la collaborazione con l’Istituto per il Credito Sportivo e di mettere in campo diverse soluzioni a sostegno dello sport – commenta Fabrizio Palermo, amministratore delegato di Cdp – un settore prioritario che necessita di infrastrutture sempre più moderne ed efficienti. Intendiamo, quindi, come previsto anche dal Piano Industriale 2019-2021 per lo sviluppo infrastrutturale del Paese, rafforzare il sostegno per le imprese e la pubblica amministrazione nella realizzazione di strutture sportive all’avanguardia e in linea con i migliori standard di sicurezza e di sostenibilità”.

Andrea Abodi, presidente dell’Istituto per il Credito Sportivo, sottolinea che “partecipare a progetti di rigenerazione urbana anche attraverso la riqualificazione di impianti esistenti o la realizzazione di nuove infrastrutture, sostenibili dal punto di vista sociale, ambientale e finanziario, rappresenta l’essenza della nostra missione pubblica, che la collaborazione con Cdp arricchisce di nuovi contenuti già nelle fasi di elaborazione di studi di fattibilità e di progetti di valorizzazione, aprendo in Italia una nuova frontiera dello sviluppo del sistema sportivo, culturale e sociale”.

Commenta