Condividi

Aspi: ok Ue all’acquisizione da parte di Cdp e fondi

Secondo la commissione Ue il passaggio di Autostrade per l’Italia da Atlantia a Cdp e Fondi “non solleverebbe problemi di concorrenza”

Aspi: ok Ue all’acquisizione da parte di Cdp e fondi

Via libera ufficiale della Commissione europea all’acquisizione di Autostrade per l’Italia (Aspi) da parte del consorzio formato da Cdp Equity, Macquarie e Blackstone. 

Secondo Bruxelles, che ha esaminato l’operazione attraverso una procedura di revisione semplificata, l’acquisizione “non solleverebbe problemi di concorrenza, a causa dell’impatto limitato che avrebbe sul mercato”. In virtù di questa analisi, non vi sarebbe alcun ostacolo all’operazione.



Lo scorso 12 novembre la stessa Atlantia aveva reso noto che “in merito alla intervenuta sottoscrizione dell’accordo per la cessione dell’intera partecipazione detenuta in Autostrade per l’Italia tra Atlantia ed il consorzio costituito da Cdp Equity, Blackstone e Macquarie oggi è pervenuta all’acquirente l’autorizzazione Antitrust della Commissione Europea all’operazione senza imposizioni di condizioni o rimedi”. Il closing dell’operazione, salvo proroghe, è previsto entro la fine di marzo 2022.

A Piazza Affari il titolo Atlantia guadagna l’1,24% a 17,595 euro.

Commenta