Condividi

Apple: iPhone 6S, iPhone 6S Plus, Apple Tv iPad Pro. Tutte le novità in arrivo da Cupertino

Mancano poche ore all’inizio della presentazione dei nuovi prodotti Apple. Mercati e utenti in fibrillazione. Ecco tutte le news su iPhone 6S, iPhone 6S Plus, Apple TV e iPad Pro.

Apple: iPhone 6S, iPhone 6S Plus, Apple Tv iPad Pro. Tutte le novità in arrivo da Cupertino

L’attesa è alle stesse. Alle 19, ora italiana, Tim Cook salirà sul palco del Bill Graham Civic Auditorium di San Francisco per presentare i prodotti più attesi dell’anno: iPhone 6S e iPhone 6S Plus. Ma insieme ai due modelli di punta, il mondo attende qualche sorpresa.

Apple non può permettersi di sbagliare. Dopo lo straordinario successo dell’anno scorso, il mercato vuole una conferma. Le previsioni sembrano essere  incoraggianti. Secondo i rumors in circolazione la novità più importante dovrebbe riguardare la nuova fotocamera da 12megapixel, ma si parla anche di video in 4k, un nuovo software ancora più potente, una nuova colorazione, e la tecnologia Force Touch, già in dotazione su Apple Watch e MacBook.



Soddisfare le attese sarà un’impresa ardua, i risultati dell’ultimo periodo parlano chiaro: Cupertino arriva da tre trimestri di crescita, con un incremento del giro d’affari superiore al 30%, nonostante l’ultima trimestrale abbia deluso Wall Street a causa delle stime prudenti sui ricavi.

Per gli analisti ripetersi sarà difficilissimo  (nel trimestre natalizio gli iPhone venduti sono stati 73,5 milioni), per questo motivo Apple potrebbe avere qualche asso nella manica. Le indiscreazioni raccontano l’arrivo di una nuova Apple Tv che si potrà utilizzare grazie a Siri e ai comandi gestuali, ma non si esclude neanche di una servizio di tv in streaming proprietario per sfidare il colosso Netflix.

Infine non è da escludere la presentazione del nuovo iPad Pro, un dispositivo da 12 pollici destinato ai professionisti, dotato di pennino. 

A Wall Street si prevede un avvio positivo per il titolo Apple che nella fase di pre-apertura guadagna l’1,2%, in linea con i futures sul Nasdaq 100.  

Commenta