Condividi

A Brescia c’è Dante in… metrò: la Divina Commedia raccontata nei vagoni o alle fermate

Domenica 11 ottobre l’evento MetroDante nella città lombarda: la Divina Commedia raccontata nei vagoni e alle fermate.

A Brescia c’è Dante in… metrò: la Divina Commedia raccontata nei vagoni o alle fermate

In occasione dei 750 anni dalla nascita di Dante Alighieri domenica 11 ottobre 2015 nelle diciassette stazioni della Metropolitana di Brescia, gioiello di tecnologia, si festeggerà l’anniversario con il progetto MetroDante. Metro Brescia, società del gruppo Brescia Mobilità e l’associazione Cieli Vibranti propongono una maratona dantesca con la lettura integrale della Divina Commedia nell’arco di una sola giornata.

Tutti saranno coinvolti nella sublime parola del grande poeta con formule diverse e accattivanti: accanto al più tradizionale reading, si assisterà a flash-mob, letture in staffetta, performance che affiancheranno alla parola la musica e il movimento.



Al fianco di attori e musicisti professionisti parteciperanno studenti, personalità delle istituzioni e della cultura e tutti gli appassionati che decideranno di intervenire. Le performance avverranno non solo negli spazi delle stazioni della metropolitana, ma a sorpresa anche sui treni: linguaggi diversi in continuo movimento attraverso cerchi, bolge, lidi, montagne, cornici e sfere celesti dell’universo dantesco.

Versi e rotaie, terzine e pannelli elettronici, canti e scale mobili: l’incontro tra letteratura e tecnologia è un ossimoro virtuoso che da un lato esalta l’eterna bellezza della poesia dantesca e dall’altro rivela un volto inedito dello spazio urbano, non più e non soltanto luogo di passaggio, ma punto d’incontro e culla della comunità.

Inoltre una rarità da non perdere: nel Salone della Biblioteca Queriniana sarà esposta la prima edizione a stampa con commento della Divina Commedia risalente al 1487 e adorna di 68 xilografie, un capolavoro della tipografia bresciana.

Per maggiori informazioni sul programma completo: www.bresciamobilita.it

Commenta