Condividi

Libri, la nuova collana di Sapelli e Festa: prima pubblicazione sulle “Regioni rosse”

Il giornalista Lodovico Festa e l’economista Giulio Sapelli inaugurano una nuova collana editoriale, a cura della casa editrice Guerini e Associati e con il coordinamento editoriale di Paolo Nessi: “sì sì no no” è il suo nome – Il primo libro è firmato da Vannino Chiti e Raffaella Della Bianca e analizza il caso delle “Regioni rosse”.

Libri, la nuova collana di Sapelli e Festa: prima pubblicazione sulle “Regioni rosse”

Lodovico Festa e Giulio Sapelli inaugurano una nuova collana editoriale, a cura della casa editrice Guerini e Associati e con il coordinamento editoriale di Paolo Nessi: “sì sì no no” è il suo nome, e tramite una serie di pubblicazioni ha l’intento di propone ai lettori punti di vista nettamente distinti e tendenzialmente contrapposti su alcuni tra i principali argomenti di attualità.

L’iniziativa parte con un libro che riflette sul ruolo svolto dalle “Regioni rosse” e sul loro futuro. Gli autori del libro, Vannino Chiti e Raffaella Della Bianca, si incontrano e si scontrano – a meno di un mese dalle elezioni amministrative – sulla valutazione del fiore all’occhiello della sinistra: le amministrazioni dell’Emilia, della Toscana e della Liguria.



Qual è oggi la funzione delle Regioni e quale ruolo hanno svolto negli ultimi anni le cosiddette “Regioni rosse”? Il dibattito fra Vannino Chiti e Raffaella Della Bianca si muove sulla base di questi interrogativi: per l’uno sono state un modello da estendere a tutto il territorio nazionale, per l’altra un’ulteriore fonte di burocratizzazione da revisionare.

Le posizioni dei due politici sono introdotte da una breve prefazione dei direttori della collana, il giornalista Lodovico Festa e l’economista Giulio Sapelli. Un serrato botta e risposta che guida alla lettura di contributi con punti di vista nettamente distinti e tendenzialmente contrapposti, dedicati al dibattito su alcuni tra i principali argomenti di attualità.

“Il nostro sforzo è stato – e sarà per i prossimi volumi della collana – quello di cercare interlocutori che, nel difendere le proprie posizioni, sappiano rispettare le ragioni di chi discute con loro, nella consapevolezza che la verità nasce non solo dalla individuazione di ciò che è giusto e di ciò che è errato, ma anche dal confronto tra ragioni diverse in scenari complessi che talvolta trovano una soluzione solo nel superamento di entrambe le tesi presentate come contrapposte” affermano Festa e Sapelli.

Commenta