Azioni Volkswagen AG, quotazioni del titolo VOW in Borsa

Tutto quello che c’è da sapere per rimanere aggiornati sul mercato finanziario. Informazioni, andamento e grafico in tempo reale sulle quotazioni in borsa dei maggiori titoli sui listini mondiali.

Audi R8 del Gruppo Volkswagen

Codice ISIN: DE0007664005
Settore: Beni di consumo durevoli
Industria: Veicoli a motore


Le azioni di Volkswagen sono quotate alla Borsa di Francoforte con il ticker VOW.

Guarda lo storico della quotazione del titolo sull’indice Xetra

Descrizione Azienda

Volkswagen AG (conosciuta internazionalmente come Volkswagen Group) è una multinazionale tedesca che opera nel settore automobilistico con sede a Wolfsburg.

Volkswagen progetta, produce e distribuisce veicoli passeggeri e commerciali, motocicli, motori e turbomacchine e offre servizi correlati, inclusi finanziamenti, leasing e gestione della flotta. È divisa in due divisioni principali, la Divisione Automotive e la Divisione Servizi Finanziari.

Il gruppo Volkswagen controlla diversi marchi:

  • Volkswagen
  • Volkswagen veicoli commerciali
  • Audi
  • Bugatti
  • Bentley
  • Cupra
  • Ducati
  • Italdesign Giugiaro
  • Porsche
  • Skoda
  • Seat
  • Man
  • Scania
  • Lamborghini

Dal 2016 al 2019 è stata la più grande casa automobilistica al mondo per vendite, superando Toyota e vendendo quasi 11 milioni di veicoli. Nel 2020 i veicoli venduti sono stati 9,2 milioni.
Volkswagen AG è la prima casa automobilistica europea.

L’azienda opera in circa 150 paesi e gestisce 118 impianti di produzione in tutto il mondo. Conta circa 663.000 dipendenti.

Volkswagen è quotata in Borsa dal 1961. Ha una quotazione primaria alla Borsa di Francoforte, dove fa parte dell’indice di borsa Euro Stoxx 50, e ha quotazioni secondarie alla Borsa del Lussemburgo e alla SIX Swiss Exchange. Le azioni Volkswagen AG sono suddivise in due diversi classi: “azioni ordinarie” e “azioni privilegiate”.

Tra i principali azionisti di Volgkswagen vi è Porsche Automobil Holding SE con una quota del 31,4%, la Qatar Holding LLC con il 14,6%, investitori istituzionali (25,9%) e privati (12,9%) e lo Stato della Bassa Sassonia con una quota del 11,8%.

L’azionariato è cosi composto:

  • Porsche Automobil Holding SE, 31,4%
  • Investitori istituzionali 25,9%
  • Qatar Holding LLC,14,6%
  • Investitori privati 12,9%
  • Stato della Bassa Sassonia 11,8%
  • Investitori istituzionali tedeschi 3,4%

Nei principali investitori istituzionali troviamo:

  • Qatar Investment Authority (Investment Company), 11,2%
  • Union Investment Privatfonds GmbH 2,39%
  • The Vanguard Group 2,27%
  • Capital Research & Management Co. 1,83%
  • DWS Investment GmbH 1,33%

Secondo una legge del 1961, detta Volkswagen Act, nessun azionista poteva esercitare più del 20% dei diritti di voto dell’azienda, indipendentemente dal livello di possesso delle azioni. La legge, che era stata emanata per permettere al governo di esercitare il controllo nella società di proprietà privata, stabiliva che i voti nelle risoluzioni delle principali assemblee degli azionisti richiedessero un accordo 4/5 (80%) dei votanti. Nel 2007 l’Unione Europea ha criticato questa legge perchè violava il principio di “libera circolazione dei capitali”. Nel 2013 il governo tedesco ha modificato in parte la legge.
La holding Porsche SE, che era entrata nel capitale di Volkswagen nel 2005, ha oggi il 53,3% dei diritti di voto nella società, lo Stato della Bassa Sassonia il 20% e la Qatar Holding il 17%.

Il fatturato nel 2020 è stato di 222.884 miliardi di euro con un utile netto di 8.334 miliardi.

Le entrate del gruppo derivano da:

  • Vendita di veicoli per l’81,7%
  • Servizi Finanziari per il 18,3%

I ricavi a livello geografico provengono prevalentemente dalla Germania (19,2%), Europa (40,6%) e Asia/Oceania (19,8%).

Attualmente le azioni Volkswagen sono scambiate intorno ai 198,66 euro.

Approfondimento economico e finanziario dell’azienda

La Volkswagen Aktiengesellschaft (“Auto del Popolo” in tedesco) è stata fondata nel 1937. Nasce per opera del partito nazionalsocialista con lo scopo di produrre l’auto per il popolo. Il modello di auto era la Volkswagen Type 1 comunemente chiamato Volkswagen Beetle o Maggiolino.

Dopo la guerra in Europa, gli inglesi presero il controllo della fabbrica distrutta dalle bomba e ne riattivarono la produzione, in attesa del previsto smaltimento dell’impianto come riparazioni di guerra.
Nessuna casa automobilistica britannica fu interessata alla fabbrica.
La Volkswagen fu offerta alla Ford ma il vicepresidente esecutivo Ernest Breech non lo ritenne un investimento valido.

L’azienda rimase in piedi perchè produceva automobili per l’esercito britannico. Nel 1948 il governo britannico restituì l’azienda allo stato tedesco.

La produzione del Maggiolino iniziò lentamente dopo la guerra per la mancanza di materie prime, ma crebbe rapidamente negli anni ’50 e ’60.

Nel 1960 dopo la quotazione in Borsa il suo nome diventa Volkswagenwerk Aktiengesellschaft.

Nel 1965 acquisisce l’Auto Union (società proprietaria del marchio Audi) dalla Daimler-Benz.

Nel 1974 viene lanciato sul mercato uno dei modelli d’auto più popolari della storia e terzo modello più venduto al mondo di sempre, la Volkswagen Golf.

Nel 1985, il gruppo decide di espandersi fuori dai confini tedeschi acquisendo la casa automobilistica spagnola SEAT.
Per internazionalizzare maggiormente la società, il nome dell’azienda viene cambiato in Volkswagen Aktiengesellschaft (Volkswagen AG).

Nel 1994 si espande ulteriormente firmando una partnership con il marchio cecoslovacco Skoda. Nel 2000 Volkswagen completa l’acquisizione del marchio ceco.

Nel 1998 avvegono le acquisizioni dei grandi marchi Bugatti, Bentley e Lamborghini.

Negli anni duemila decide di focalizzare i marchi su due profili differenti:

  • I marchi del Gruppo Audi vengono incentrati su valori più sportivi con i marchi Audi, SEAT e Lamborghini.
  • Volkswagen Brand Group si mantengono sui i valori classici con i marchi Volkswagen, Skoda, Bentley e Bugatti.

Nel 2008 Volkswagen acquisisce la quota di maggioranza di Scania AB.

Nel dicembre 2009, Volkswagen acquisisce una quota del 49,9% di Porsche AG. Nel 2012 l’azienda compra la restante metà delle azioni Porsche per 4,46 miliardi di euro.

Il 25 maggio 2010, il gruppo Volkswagen, attraverso la sua controllata Lamborghini Holding S.p.A., acquisisce una partecipazione del 90,1% nella casa italiana di design automobilistico Italdesign Giugiaro. Il pieno controllo della avviene nel 2015.

Il 4 luglio 2011 si assicura la maggioranza in MAN SE, con il 53,7 % del capitale.

Nel 2012 prende il controllo del marchio Ducati attraverso la controllata Lamborghini.

Dal 2013 il Gruppo Volkswagen detiene una quota dell’89,7% in Traton, holding per i veicoli commerciali pesanti del gruppo. Traton racchiude in sè i marchi MAN Truck & Bus SE, Navistar International Corporation, Scania AB, Volkswagen Caminhões e Ônibus.

Tra le società controllate o sussidiarie troviamo:

  • Traton (89.7%)
  • Porsche Holding
  • Volkswagen Marine
  • Lamborghini Financial Services
  • Bentley Financial Services
  • Volkswagen Financial Services AG
  • Volkswagen Leasing GmbH
  • Porsche Financial Services
  • Moia
  • MAN Energy Solutions
  • IAV 50%
  • Volkswagen Immobilien
  • Volkswagen Group Fleet International
  • Volkswagen Group Supply
  • Volkswagen Air Service
  • Volkswagen Industrial Motor
  • Volkswagen Group China
  • Volkswagen Group India
  • Volkswagen Group of America
  • Volkswagen Group Australia
  • Volkswagen Group Canada
  • Volkswagen Group Malaysia
  • Volkswagen do Brasil
  • Volkswagen Group Ireland
  • Volkswagen Group Italia
  • Volkswagen of South Africa
  • Volkswagen Group Taiwan
  • Volkswagen Group United Kingdom
  • Argo AI 40%
  • Diconium
Le ultime notizie su Volkswagen
Vw

JP Morgan compra il 75% di Volkswagen Payments

L’intesa consentirà al colosso bancario Usa di espandersi nei pagamenti digitali ed entrare per la prima volta nel settore automobilistico

Auto elettrica

Salone dell’Auto di Monaco al via: l’edizione dell’elettrico

La manifestazione, che sostituisce l’appuntamento di Francoforte e fa ripartire il rito dei Saloni, si apre oggi con l’inaugurazione di Merkel – Novità in arrivo da Bmw, Mercedes, Volkswagen e Renault

Wurstel e patatine

Volkswagen vieta i wurstel alla mensa: è il salutismo, bellezza

Il prodotto più venduto dalla Volkswagen non è l’auto, come comunemente si crede, ma i 18.500 wurstel che sforna ogni giorno per i suoi lavoratori e per i visitatori – Però da lunedì scatterà il blitz: in nome della sostenibilità ambientale e del salutismo niente più wurstel in mensa – E’ stato il Ceo Herbert Diess in prima persona a deciderlo ma la guerra…

Vw

Volkswagen: piano “elettrico” da 63 miliardi e jv con Enel X

Grazie alla nuova strategia sull’elettrificazione, il gruppo ha alzato le previsioni sulla redditività – In arrivo altre 3mila stazioni di ricarica nel nostro Paese

Ugo Bertone

Auto di nuovo superstar. E VW accorcia il ritardo da Tesla

Tornano le buone notizie sul mondo delle quattro ruote che è pronto a cavalcare la ripresa nonostante la penuria di chips. Il titolo migliore è Porsche ma è in buona compagnia. E Daimler cresce in Cina