Condividi

Brand italiani di maggior valore: comanda Gucci, Generali Italia nella top 10

Sul podio della classifica stilata da BrandZ TOP100 Global Ranking anche Tim e Enel: poi principalmente food e lusso, con la compagnia assicurativa che arriva nona ed è l’unico brand finanziario della top ten.

Brand italiani di maggior valore: comanda Gucci, Generali Italia nella top 10

Il brand italiano con maggior valore (e pure di tanto) è Gucci: nella top 10 stilata da BrandZ TOP100 Global Ranking sui brand italiani di maggior valore spiccano food e lusso ma spunta anche Generali Italia, unico marchio assicurativo, in nona posizione dietro alla Nutella e davanti ad Armani. Sul podio telecomunicazioni ed energia con Tim ed Enel.

La TOP30 Most Valuable Italian Brands è l’edizione italiana della classifica BrandZ TOP100 Global Ranking che ogni anno riconosce i marchi di maggior successo nel mondo attribuendo loro un valore economico ottenuto attraverso la combinazione di survey sui consumatori unite a dati finanziari.

Generali Italia è l’unica società del settore finanziario nella Top 10 dei Brandz, con un Brand Value stimato di oltre 2,5 miliardi, ed è anche in testa alla lista dei brand italiani che hanno saputo innovare nella comunicazione. Il brand value di Gucci invece è di 16,2 miliardi, 7 miliardi più alto di quello della seconda, Tim. Segue Enel con 7,3 miliardi. Kinder vale quasi 7 miliardi, Prada 4, Ferrari 3,4. Appena fuori dalla top 10, ma comunque nella classifica dei primi 15 marchi italiani, Ferrero Rocher e Intesa Sanpaolo.

L’analisi di Brandz TOP30 Most Valuable Italian Brands, alla sua prima edizione italiana, segue il metodo di quella realizzata a livello internazionale da BrandZ di Kantar Millward Brown combinando la valutazione della Brand Contribution di oltre 55.000 consumatori con rigorose analisi finanziarie svolte sulla base dei dati forniti da Bloomberg. Per le società analizzate, la ricerca rappresenta un importante elemento per la misurazione, gestione e protezione di uno degli asset intangibili più delicati: il Brand.

Commenta