Condividi

L’Espresso compie 60 anni: 12 volumi per raccontare la storia d’Italia attraverso le sue pagine

Da domani e per dodici settimane l’Espresso esce in edicola accompagnato da un volume che racconta la storia del settimanale e quella dell’intero paese. Dal boom economico dei ruggenti ’60 agli anni bui della crisi, 60 anni di storia d’Italia attraverso foto, articoli e inchieste che hanno fatto grande il settimanale fondato da Scalfari e Benedetti

L’Espresso compie 60 anni: 12 volumi per raccontare la storia d’Italia attraverso le sue pagine

Raccontare sessant’anni di storia italiana sfogliando le pagine di una delle istituzioni della stampa italiana: l’Espresso. Il settimanale festeggia quest’anno il suo sessantesimo compleanno pubblicando dodici volumi che raccontano la storia del giornale e dell’Italia raccontata attraverso le sue pagine. 

Come scrive l‘ex direttore dell’Espresso Bruno Manfellotto, che ha curato l’opera, “abbiamo deciso di costruire i dodici volumi che, per dodici settimane, accompagnano ogni venerdì l’uscita del giornale in edicola: non una semplice antologia di articoli, ma dodici grandi stagioni del Paese e del mondo”.



L’Espresso, storico settimanale fondato da Eugenio Scalfari e Arrigo Benedetti, vide la luce nell’ottobre del 1955. Quando sbarca in edicola, l’Espresso si impone come una realtà totalmente nuova: vanta un’attenzione mai vista prima per la fotografia, l’arte di raccontare con le immagini oltre che con le parole; vede la nascita del giornalismo d’inchiesta e coltiva il gusto per i retroscena politici. Ora l’Espresso festeggia il suo sessantesimo compleanno offrendo al lettore la possibilità di ripercorrere passo dopo passo l’evoluzione della società italiana, i cambiamenti del costume, le tendenze culturali e i fatti politici. Che purtroppo sessantan’anni fa come oggi, non sempre rappresentano il lato migliore dell’Italia. Resta indimenticabile per i lettori dell’Espresso il titolo: “Capitale corrotta=nazione infetta” un’inchiesta di Manlio Cancogni che raccontava i vizi della Capitale ancora molto attuali.  

Il settimanale ha deciso di raccontare attraverso dodici volumi tutti i temi e gli avvenimenti che hanno caratterizzato le fasi evolutive del nostro Paese. “Abbiamo cominciato – prosegue Manfelotto – con gli anni del boom, in edicola questa settimana, e poi seguiranno l’Italia che cambia, la rivolta del ’68, la stagione dei diritti civili, gli anni di piombo, le stragi e i misteri, la caduta del muro, mani pulite, la guerra vicino a casa, il terrore, la lunga stagione berlusconiana e la grande crisi. 

A partire da domani, venerdì 13 marzo e per le dodici settimane consecutive L’Espresso uscirà in edicola accompagnato da una volume dedicato a cinque anni di storia d’Italia. I dodici volumi narrano la storia del Paese con articoli, fotografie e inchieste pubblicate sul giornale che – conclude Manfellotto – “non è mai stato solo selezione di notizie, ma specchio di un paese che ha voglia di cambiare, crescere, superare le sue contraddizioni. Si, vale la pena ricordare. E anche festeggiare”.   

Commenta