Condividi

Parigi, l’arte come trasformazione sociale di Theaster Gates

Dal 20 febbraio al 12 maggio, Theaster Gates è presente a Parigi al Palais de Tokyo, con una mostra che esplora le storie sociali della migrazione e relazioni interrazziali.

Parigi, l’arte come trasformazione sociale di Theaster Gates

Ecco come l’artista di Chicago Theaster Gates ha incubato nuovi modelli per la trasformazione sociale e l’arte, includendo scultura, pittura, ceramica, video, performance e musica. La sua arte è frutto di ambiziosi progetti di rinnovamento urbano, creando hub e archivi per la cultura nera, che fungono da catalizzatori per discussioni sulla razza, uguaglianza, spazio e storia.

Per questa esposizione a Parigi, Theater Gates ha iniziato un progetto nuovo che esplora le storie sociali della migrazione e delle relazioni interrazziali usando un episodio specifico nella storia americana come punto di partenza per affrontare questioni più ampie di soggiogamento nero e dominazione sessuale imperiale e mescolanza razziale che ne derivava. Questi temi storici e le loro realtà hanno dato origine a nuove prospettive cinematografiche, scultoree e musicali nell’opera di Theater Gates, consentendo a Theaster Gates di esaminare la storia della proprietà terriera e delle relazioni razziali negli Stati Uniti del nord-est.



La mostra intitolata “Amalgam,” è la storia dell’isola di Malaga nello stato del Maine, USA: nel 1912, il governatore dello stato espulse da Malaga la popolazione più povera, una comunità mista interrazziale di circa 45 persone, considerata “Indolente” da molti degli abitanti bianchi locali. Queste persone sfortunate furono costrette a trasferirsi in tutto il continente; alcuni sono stati persino involontariamente impegnati in istituzioni psichiatriche.

Il termine tecnico “amalgam” è stato usato anche in passato per indicare la mescolanza razziale, etnica e religiosa. Per Theater Gates, ha acquisito un significato ancora più carico, spingendo la sua pratica verso nuove esplorazioni formali e concettuali in film, scultura, architettura e musica.

Curatore della mostra: Katell Jaffrès

Theater Gates (1973, vive a Chicago) lavora come artista e teorico della terra. La sua pratica include scultura, installazione, performance e interventi urbani che dimostrano l’enorme valore d’uso in comunità economicamente destabilizzate. I suoi progetti tentano di istigare la creazione di capitale culturale fungendo da catalizzatori per l’impegno sociale che porta a cambiamenti politici e spaziali. Theaster Gates ha descritto il suo metodo come “critica attraverso la collaborazione” – spesso lavorando con architetti, ricercatori e artisti per creare opere che ampliano le idee su quali pratiche visive possono essere.

Theaster Gates ha realizzato mostre personali negli Stati Uniti ea livello internazionale, tra cui il Museu de Serralves (Porto) nel 2014 e MCA Chicago nel 2013. Il recente progetto “The Black Madonna” è stato sviluppato attraverso i media, dalla performance alla fotografia e musica, esplorando la storia della donna nera e la sua immagine. Il progetto si avvale degli archivi fotografici della Johnson Publishing Company, editore di riviste Jet e Ebony, con sede a Chicago.

“The Black Madonna”, è stato presentato al Kunstmuseum di Basilea (9 giugno – 21 ottobre 2018) e al Museo Sprengel di Hannover (23 giugno – 09 settembre 2018). Theaster Gates ha partecipato al Whitney Museum of American Art Biennale, New York nel 2010 e Documenta 13, Kassel nel 2012, e più recentemente alla 56a Biennale di Venezia e alla 14a Biennale di Istanbul nel 2015. Ospita regolarmente eventi dal vivo con i suoi ensemble musicale, i Black Monks of Mississippi.

Attualmente, Theater Gates è illustre artista ospite e direttore delle iniziative per artisti presso il Lunder Institute for American Art, Waterville, nel Maine.

Commenta