Ref, Italia: la crescita è ancora rimandata

di Alberto Grillo - Il quadro mondiale appare incerto e, soprattutto in Europa, diversificato. Italia: mancano le riforme, i mercati non si fidano - La stima della crescita del Pil è 0,7% sia nel 2011 che nel 2012.
Inflazione, aumento a 2,7%

L'inflazione registra a giugno un aumento dello 0,1% su base mensile passando da 2,6% a 2,7%. Forte impatto dei servizi di trasporto marittimo (+52,8%) e aereo (+13,8%). Alimentari record: dal 2,9% al 3%. Scendono benzina e diesel.
L’industria francese torna a crescere

Dopo due mesi in negativo, l'attività industriale ha visto in maggio un aumento del 2%. Il secondo trimestre dovrebbe essere meno dinamico del primo, ma la cosa non sembra mettere in dubbio le previsioni del Governo per il 2011.
Un disoccupato su due vive al Sud

Dagli ultimi dati Istat emerge un'Italia divisa in due: se in Trentino Alto Adige il tasso dei senza lavoro è del 3,5% in Campania si registra una disoccupazione del 15%, quasi il doppio della media nazionale (8,6%).
La Cina rallenta (al 7%)…

I segnali di rallentamento - sia fisiologico che indotto - della più dinamica grande economia del pianeta si stanno moltipicando
Pensioni e sanità per la generazione da mille euro.

Giovani, pensioni, sanità. Superare la dicotomia pubblico-privato e incentivare strumenti di integrazione. Partendo dai dati dell'ultimo studio del Censis, esponenti del mondo accademico, imprenditoriale, politico e delle parti sociali si sono confrontati sul futuro del nostro Paese e sulle politiche…
Turchia record, Pil a +11%

Il ritmo dell'impennata, nel primo trimestre 2011, è il più robusto al mondo. Settore trainante è quello delle infrastrutture. Una carta vincente per il governo Erdogan, appena riconfermato, in vista dell'integrazione europea.
Imprese, Istat: a giugno la fiducia cala oltre le attese

Secondo l'ultima indagine congiunturale dell'Istituto di statistica, l'indice sul morale delle aziende è passato dal 101,1 di maggio al 100,5 di questo mese - Peggiorano i giudizi sugli ordini, ma le attese sulla produzione rimangono stabili.