Categoria: Commenti

I commenti, soprattutto quelli firmati dal Direttore, dal Presidentedal team redazionale, esprimono la linea editoriale di FIRSTonline. Concorrono a definire l’identità del nostro giornale anche gli interventi, selezionati dalla Direzione, che provengono da protagonisti e personaggi di spicco dell’economia, della finanza, della politica. Il formato e la frequenza degli interventi, che si rinnovano continuamente, è simile a quella di un blog d’autore.



Un nuovo Patto per l’Italia. Ma settembre è troppo tardi

Governo e parti sociali, che si sono incontrati questa mattina, dovrebbero lavorare da subito giorno e notte per varare misure destinate a tranquillizzare i mercati - Riforma fiscale e statuto dei lavori sono cruciali per ridare competitività all'Italia - Berlusconi…
Parafarmacisti: figli di un dio minore

La crisi economica sta rendendo, se possibile, ancora più urgenti le liberalizzazioni. Un buon punto di partenza per fare delle riforme al servizio dei cittadini e della ripresa è il mondo delle farmacie
Debito Usa, la vera battaglia inizia ora

Il difficile sarà trovare un accordo tra i tagli alla spesa voluti dai repubblicani e l'aumento del carico fiscale caldeggiato dai democratici. Con sullo sfondo la crescita anemica della prima potenza economica mondiale

L'Italia si trova in una spirale di eccesso di debito pubblico contratto per finanziare uno stato assistenziale che non funziona e che non è in grado di ridurre le troppe differenze all'interno del paese. Anche i piccoli incrementi di produttività…
Nella Spagna in crisi il federalismo aggrava il debito

Zapatero, ormai debole, ha indetto elezioni anticipate al 20 settembre - Una delle priorità: ripensare il modello federale - L'autonomia delle Regioni ha contribuito al lievitare dei loro debiti: la Catalogna, da sola, ha già superato quota 30 miliardi di…
Ref, Italia: la crescita è ancora rimandata

di Alberto Grillo - Il quadro mondiale appare incerto e, soprattutto in Europa, diversificato. Italia: mancano le riforme, i mercati non si fidano - La stima della crescita del Pil è 0,7% sia nel 2011 che nel 2012.
La Spagna soffre, ma le big volano

Le grandi imprese spagnole continuano a essere leader mondiali in alcuni settori strategici, ma il Governo deve implementare le riforme già in atto per riudurre il deficit, per rafforzare il sistema bancario e il mercato del lavoro e frenare gli…