Condividi

Vetro made in Murano, asta di opere a Palazzo Serbelloni

Dopo il grande successo dell’asta tenutasi a Milano nel giugno 2016, la Casa d’Aste Cambi si conferma il leader europeo nella vendita dei Vetri di Murano del ‘900.

Vetro made in Murano, asta di opere a Palazzo Serbelloni

Doppio appuntamento a Palazzo Serbelloni il 21 febbraio 2017, per il settore “vetri d’artista” che ha conosciuto il più grande boom degli ultimi anni. Tutto made in “Murano”.

La prima asta vede riunita una raccolta di pezzi eccezionali, frutto dell’amore di un collezionista milanese che ha riposto fiducia in un unico mercante, Maurizio Cocchi, a cui la moglie Simona, curatrice del catalogo, dedica questa vendita.

I pezzi più interessanti sono un grande vaso degli Artisti Barovier (1920 ca) decorato con un tessuto musivo di murrine, su disegno di Vittorio Zecchin, un’anfora con decoro di gabbiani in rilievo, pezzo unico di Venini su disegno di Tomaso Buzzi, già esposta alla mostra dedicatogli alla Fondazione Cini nel 2014 a Venezia e un rarissimo vaso Scozzese di Fulvio Bianconi, sempre di Venini (1954 ca), proveniente dalla collezione Pistilli di Napoli.

Il secondo catalogo, a cura di Marco Arosio, propone centocinquanta pezzi da collezionare. Tra i top lot segnaliamo una collezione di vassoi a murrine su disegno di Paolo Venini e Tobia Scarpa, alcuni pezzi rari su disegno di Carlo Scarpa del 1940 come una coppa A Fili (inedita), il vaso Inciso a onde e due vasi Fenici del 1930 per Cappellin. La selezione dell’asta è ampia di proposte che spaziano dai Soffiati del 1920 fino agli ultimi lavori di Lino Tagliapietra, tutti certificati e da collezionare, con valori che partono anche da 300 euro.

L’esposizione, aperta nei cinque giorni prima dell’asta, sarà un’occasione unica per gli appassionati del vetro e per i nuovi amatori di Murano di visionare tutti i lotti e di confrontarsi con gli esperti della Cambi, incontro caldamente consigliato per difendere gli acquirenti da falsi e riproduzioni presenti sul mercato.