Condividi

Sciopero aerei 20 marzo: Alitalia cancella il 40% dei voli

I controllori di volo incroceranno le braccia fra le 13 e le 17 – Le fasce garantite sono 7-10 e 18-21 – Ecco la lista completa dei voli cancellati da Alitalia – Giovedì sciopero dei tassisti

Sciopero aerei 20 marzo: Alitalia cancella il 40% dei voli

Sciopero degli aerei in tutta Italia. Oggi, lunedì 20 marzo 2017, i controllori di volo incroceranno le braccia fra le 13 e le 17. L’agitazione ha portato Alitalia a cancellare il 40% dei voli programmati, sia nazionali sia internazionali. Le fasce garantite sono 7-10 e 18-21. Sul sito di Alitalia è disponibile la lista completa dei voli cancellati, insieme alle informazioni dettagliate sulle modalità di riprotezione che prevedono il rimborso del biglietto o la possibilità di cambiare il proprio volo senza alcuna penale fino al 4 aprile.

Alitalia invita tutti i viaggiatori che acquistato un biglietto per volare il 20 marzo a verificare lo stato del proprio volo, prima di recarsi in aeroporto, chiamando il numero verde 800.65.00.55 (dall’Italia) o il numero +39.06.65649 (dall’estero).

Il 20 marzo Alitalia impiegherà su alcune rotte domestiche e internazionali aerei più capienti per limitare i disagi ai passeggeri. Negli aeroporti di Roma Fiumicino e Milano Linate la compagnia ha previsto un rafforzamento del proprio personale per assicurare la massima assistenza ai clienti. È stato anche incrementato il numero degli addetti al call center.

Giovedì invece ci sarà lo sciopero dei taxi, che si fermeranno ancora una volta per chiedere regole stringenti su noleggi con conducente e Uber. La protesta però non è unitaria: una serie di sigle preferiscono attendere gli sviluppi del tavolo tecnico del governo che sta definendo le nuove regole. A scioperare saranno i tassisti aderenti a Fit Cisl taxi, Uil Trasporti taxi, Ugl taxi, Federtaxi Cisal, Usb taxi, Uti, Unica Cgil, Unimpresa mentre non aderiranno gli autisti delle Associazioni Nazionali della Cooperazione (Legacoop Servizi, Federlavoro e Servizi-Confcooperative), dell’Artigianato (Confartigianato, Cna, Sna Casartigiani) e del Commercio (Silt-Confcommercio).

Sul fronte del trasporto aereo ci sarà infine una nuova agitazione il 5 aprile, con lo sciopero di tutti i lavoratori Alitalia per protestare contro i 2mila esuberi annunciati dalla compagnia nel nuovo piano industriale, oltre che i tagli ai salari. Il personale si fermerà in blocco per 24 ore.