Condividi

McKinsey, banche: crisi superata ma serve più slancio sul digitale

Il nuovo studio Global Banking Annual Review 2017 di McKinsey analizza le performance del settore bancario a livello mondiale: la crisi è stata superata, ma ci sono ancora delle criticità – Profitti ancora bassi (nel 2017 inferiori al 2015) e la trasformazione digitale è incompleta: ecco quanto varrebbe all’intero sistema, a pieno regime.

McKinsey, banche: crisi superata ma serve più slancio sul digitale

Il settore bancario globale è ritornato in salute: a dirlo è il nuovo studio Global Banking Annual Review 2017 di McKinsey, che analizza le performance del settore bancario a livello mondiale e che sostiene che il recupero dalla crisi finanziaria è stato completato, gli stock di capitale sono stati reintegrati e le banche hanno tagliato i costi. Tuttavia, secondo McKinsey, i profitti rimangono esigui. Per il settimo anno consecutivo, il ritorno sul capitale (return on equity – ROE) del settore è bloccato tra l’8% e il 10%. Il 2016 si è chiuso con un ROE pari all’8,6%, un punto percentuale in meno rispetto al 2015. Inoltre, le azioni delle banche sono scambiate a multipli bassi, il che suggerisce il permanere di una preoccupazione da parte degli investitori sulla redditività futura degli istituti.

Esistono differenze di performance in termini di regioni e linee di business, e anche tra istituti: chi ha ottenuto migliori performance lo ha fatto grazie a una strategia chiara e a un’applicazione costante sia sui core business sia sulle aree di miglioramento. C’è da sottolineare che le differenze su base regionale sono sempre meno: se nel 2010 queste contavano per il 74% delle performance, nel 2017 questo valore si è abbassato al 39%.

Con il recupero dei tassi di interesse e l’entrata in gioco di altri fattori favorevoli, il ROE del settore potrebbe raggiungere il 9,3% entro il 2025, secondo lo studio di McKinsey. Ma se i clienti retail e corporate passassero dalle banche tradizionali alle società digitali allo stesso tasso con cui in passato le persone hanno adottato nuove tecnologie, il ROE potrebbe scendere di circa 4 punti, fino al 5,2% entro il 2025, in assenza di azioni mitigatrici.

Le banche che non si sono ancora digitalizzate devono esplorare quanto prima i nuovi strumenti a loro disposizione e costruire le competenze di marketing digitale e analytics necessarie per competere. Se la maggior parte del settore intraprendesse questa strada, l’insieme delle banche aggiungerebbe circa 350 miliardi di dollari al proprio bilancio. Questo porterebbe a un incremento medio del ROE di circa 2,5 punti percentuali. La trasformazione digitale su larga scala è essenziale, non solo per i vantaggi economici, ma anche perché offrirà la possibilità di partecipare alla prossima fase del digital banking.

“Piattaforme” come Alibaba, Amazon e Tencent stanno rinnovando un settore dopo l’altro, sfumando i confini tra comparti perché vogliono offrire di tutto a tutti. Se questa economia integrata inizia a emergere anche per le banche, ci saranno delle opportunità per chi ha costruito competenze digitali e ha saputo muoversi rapidamente. Le banche che avranno orchestrato con successo questa “strategia ecosistemica”, costruendo partnership e monetizzando sui dati, potrebbero portare il proprio ROE al 9%-10%. Le banche che andranno oltre, creando le proprie piattaforme, potrebbero entrare in mercati non bancari, che aumenterebbero il loro ROE portandolo a circa il 14% – ben al di sopra della media corrente del settore.


Allegati: MCKINSEY – Global Banking Annual Review

Commenta