Condividi

Champions: Monaco-Juve, derby a Madrid

L’urna di Nyon ha delineato il quadro delle semifinali di Champions League: la Juve pesca il Monaco, squadra sulla carta più debole rispetto a Real ed Atletico, che invece si affronteranno in un remake della finale dello scorso anno. Nedved ci va cauto: “ci aspetta una squadra molto giovane, che corre tantissimo e che non ha niente da perdere, per cui è sempre qualcosa di complicato”.

Champions: Monaco-Juve, derby a Madrid

La Juventus affronterà il Monaco nella semifinale di Champions League, mentre dall’altra parte andrà in scena una vera e propria battaglia sportiva tra le due squadre di Madrid. Tutto il “mondo Juve” si può dire soddisfatto dell’esito del sorteggio: Cristiano Ronaldo e Griezmann si affronteranno a vicenda in un doppio confronto che si attende stellare, e Massimiliano Allegri e i suoi potranno godersi lo spettacolo da casa. 

Attenzione però, i monegaschi sono arrivati in semifinale eliminando Manchester City prima e Borussia Dortmund poi. La squadra allenata dal portoghese Jardim ha entusiasmato tutti gli amanti di calcio, proponendo un gioco rapido e veloce, fatto di spunti individuali e solidità difensiva. 

L’attenzione della straordinaria retroguardia juventina dovrà essere centrata sull’insolita coppia d’attacco dei biancorossi, formata dal 1998 Mbappè, astro nascente del calcio francese e mondiale autore di 22 gol ed 11 assist fino ad oggi, e dal colombiano Falcao, bomber di razza che sembra tornato quello dei tempi dell’Atletico Madrid. 

L’undici monegasco è composto da altri talenti in ascesa, come il terzino sinistro Mendy ed il fantasista portoghese Bernardo Silva. Ci sarà anche un piccolo pezzo della Torino granata, visto che l’ex capitano Glik è al centro della difesa. 

La Juve dovrà far prevalere la propria storia e la propria identità di gioco, che ormai è forte e consolidata. Higuain-Dybala è una coppia che gli altri grandi club europei invidiano, il reparto difensivo è fenomenale ed il centrocampo a due disegnato da Allegri sembra funzionare senza intoppi. 

I bianconeri sono di diritto, insieme alle merengues di Zidane, i favoriti per la vittoria finale. Cardiff è a due partite di distanza, crederci è un obbligo.