Condividi

Auto: tonfo negli Usa, male anche in Italia (Fca -4%)

Per la prima volta da tre anni il mercato dell’auto mostra un leggero segno di cedimento: ad aprile sono state immatricolate in Italia 160.359 autovetture, con una variazione di -4,62% rispetto ad aprile 2016

Auto: tonfo negli Usa, male anche in Italia (Fca -4%)

Dopo tanti mesi di allungo, il mercato americano delle automobili tira il freno a mano. General Motors ha perduto in Borsa 2,92% dopo aver annunciato una flessione delle vendite del 5,8% ad aprile. Ford è scesa del 4,42% con un calo delle vendite del 7,2%. Fiat Chrysler è caduta in ribasso del 4,1% dopo avere registrato ad aprile una flessione delle vendite del 7% in Usa.

Rallenta, dopo una lunga striscia di rialzi, anche il mercato italiano. Ieri sera, a mercati chiusi, sono stati infatti annunciati i dati della Penisola: per la prima volta da tre anni il mercato dell’auto mostra un leggero segno di cedimento. Ad aprile sono state immatricolate 160.359 autovetture, con una variazione di -4,62% rispetto ad aprile 2016 (dopo il +18,16% di marzo).

Fca ha immatricolato 46.900 vetture, ossia il 4% in meno rispetto all’anno scorso per una quota del 29,2 per cento, in crescita dello 0,1 per cento. Nel dettaglio, alla flessione dei marchi Fiat (-5,97%) e Lancia (-15,52%) ha fatto parzialmente da contraltare il +46,63% di Alfa Romeo. Sostanzialmente stabili le vendite di auto Chrysler, Jeep e Dodge (-0,42%).

Tornando all’andamento del mercato in generale, in aprile sono stati registrati 352.676 trasferimenti di proprietà di auto usate, -12,34% rispetto ad aprile 2016. Nel mese di aprile 2017 il volume globale delle vendite (513.035 autovetture) ha dunque interessato per il 31,26% auto nuove e per il 68,74% auto usate.

Giù anche gli altri Big europei (indice di settore -0,9%): Volkswagen ha perso lo 0,9%, Daimler è scesa dello 0,9%.