Condividi

Attacco Parigi, si ferma campagna elettorale

Svelata l’identità del terrorista, Karim Cheurfi, 39enne francese conosciuto alle forze dell’ordine. Fermati tre familiari dell’attentatore. Isis ha rivendicato l’attacco. Dura la Le Pen: “Mi aspetto altri attentati da qui a domenica, chiudere subito i confini”. Tutti i candidati hanno annullato i propri impegni elettorali.

Attacco Parigi, si ferma campagna elettorale

Parigi si è svegliata nuovamente con lo spettro del terrorismo, che irrompe a tre giorni dal primo turno delle elezioni presidenziali. L’attentatore, il 39enne Karim Cheurfi rimasto ucciso durante lo scontro a fuoco con la polizia, era di passaporto francese ed il suo profilo era noto alle forze dell’ordine: già nel 2001 aveva tentato di uccidere due agenti a Roissy-en-Brie. 

L’antiterrorismo francese sta perquisendo la casa del killer a pochi km di distanza da Parigi. Tre persone considerate a lui vicine sono state arrestate. Ad oggi si parla anche di un possibile complice proveniente dal Belgio; il sospettato si è però presentato spontaneamente agli investigatori di Anversa per dimostrare la sua innocenza. 

L’attentato, come ha dichiarato il Presidente Trump, “Avrà grosse conseguenze sulle elezioni presidenziali!”. Fra i quattro principali candidati, i commenti più duri sono giunti dalla leader del Front National, Marine Le Pen, che ha usato toni durissimi: “Siamo in guerra, mi aspetto altri attentati da qui a domenica. Bisogna subito chiudere le frontiere”.

Il candidato repubblicano Fillon ha dichiarato di voler “rinegoziare il Trattato di Schengen”, sottolineando poi la necessità e l’urgenza di “opporre un muro intellettuale e morale all’Islam radicale”. 

Se Melenchon ha preferito non rilasciare dichiarazioni ufficiali, il liberal-socialista Macron, che nei momenti dell’attentato stava rispondendo ai giornalisti di France2 durante il dibattito televisivo pre-elettorale, si è limitato ad esprimere solidarietà verso le forze di polizia.