1. Home
  2. Sport
  3. Calcio

Supercoppa: per Juve-Lazio conto alla rovescia

10 agosto 2017 - 16:18  di FIRSTonline
I biancocelesti affrontano la sfida da sfavoriti, con il caso Keità ancora aperto e qualche problema di troppo in infermeria - Per i bianconeri, invece, è l'esordio ufficiale dopo la fine della BCC in difesa. Obiettivo: dimenticare Cardiff
Conto alla rovescia per la Supercoppa Italiana, che domenica sera all’Olimpico aprirà ufficialmente la stagione calcistica 2017-2018 con la sfida fra Lazio e Juventus.

I biancocelesti proveranno a scrollarsi di dosso i timori reverenziali che l’hanno spesso frenata negli ultimi scontri diretti con i bianconeri (l’ultimo dei quali nella finale di Coppa Italia dello scorso maggio, terminata 2-0 per gli uomini di Allegri).

I capitolini dovranno però risolvere tre problemi. Primo, l’affiatamento dei nuovi innesti, a cominciare dal brasiliano Lucas Leiva, che ha preso il posto di Biglia, passato al Milan. Secondo, lo spaesamento di Keità, che potrebbe trovarsi nella situazione paradossale di affrontare la Juve pochi giorni prima di trasferirsi alla corte di Allegri. Terzo, il fronte degli infortuni, con Felipe Anderson che rischia di saltare il match e Radu e Hoedt in condizioni non ottimali.

A sua volta la Juve dovrà superare due tabù. Innanzitutto, la Signora è chiamata a cancellare la sconfitta nell’ultima partita della scorsa stagione, ossia la debacle di Cardiff in finale di Champions League contro il real Madrid, che ha tolto ai bianconeri non poche certezze.

Inoltre, i campioni d’Italia è costretta a varare una linea difensiva dopo la partenza a sorpresa di Bonucci, che per quasi 10 anni ha costituito la BBC con Barzagli e Chiellini, l’argine difensivo che è stato alla base degli scudetti vinti dai bianconeri.

I pareri del pronostico sono chiaramente a favore della Juve, ma l’allenatore della Lazio non si scoraggia e rilancia: “Si dice che tutto può succedere – le parole di Simone Inzaghi in un’intervista a Repubblica – non sempre si aggiunge che succede solo se gli sfavoriti giocano una grande partita. E gli sfavoriti domenica siamo noi”.

Notizie Correlate